Portici di Bologna candidati Patrimonio dell’Unesco

I portici di Bologna patrimonio dell'Unesco: è partita la candidatura.

I portici di Bologna sono ufficialmente candidati a diventare patrimonio dell’Unesco.

I portici di Bologna potrebbero essere riconosciuti come patrimonio mondiale dell’umanità. I 42 chilometri che caratterizzano la città emiliana sono stati candidati all’iscrizione dal consiglio direttivo della commissione nazionale italiana per l‘Unesco.

I portici di Bologna patrimonio dell’Unesco

Bologna, la “capitale dei portici”, conta ben 42 chilometri di portici dall’eccezionale varietà di stili artistico-architettonici.

Ogni stile, infatti, rappresenta epoche diverse, che ancora oggi si possono ammirare in giro per la città.

Tuttavia, spesso questo spettacolo di architettura viene rovinato dai graffiti o dall’incuria. Per tale motivo, questa candidatura al patrimonio Unesco può essere l’occasione perfetta per ricordare ai turisti e ai cittadini di avere più cura di questo patrimonio inestimabile.

In totale sono 12 i tratti selezionati, localizzati sia in centro sia nelle aree periferiche: via Zamboni, il Pavaglione con piazza Maggiore, il quartiere Barca, via Santa Caterina, via Santo Stefano e piazza della Mercanzia, via Galliera e via Manzoni, strada Maggiore, Baraccano, portico della Certosa, piazza Cavour e via Farini, Forno del pane, San Luca.

bologna 2630373 1920

La storia dei portici

La prima testimonianza di questo splendido patrimonio architettonico risale all’anno 1041.

All’epoca, l’Università di Bologna attirava numerosi studenti e accademici, e la popolazione continuava a crescere per via dell’immigrazione dalle campagne vicine.

Per far fronte all’aumento del numero dei cittadini, questi decisero di aumentare le dimensioni delle case, ampliando i piani superiori con la creazione di sporti in legno sorretti dal prolungamento delle travi portanti e da mensole, anche chiamate “beccadelli”.

Con il passare del tempo fu necessario costruire colonne di sostegno dal basso per impedire il crollo delle costruzioni. Così nacquero i portici.

L’opera aveva, inoltre, anche altre utilità molto importanti. Infatti, i portici offrivano riparo dal sole e dalle intemperie, permettendo a cittadini e turisti di attraversare la città con qualsiasi condizione atmosferica.

I portici favorirono, inoltre, l’espansione di attività commerciali e artigiane che dava una spinta importante all’economia cittadina.

I portici più importanti

In via Senzanome, nel tratto di via Saragozza si trova il portico più stretto della città di appena 95 centimetri.

Il portico più largo della città è il quadriportico della basilica di S.Maria dei Servi in strada Maggiore, progettato alla fine del Trecento nella parte che fiancheggia la chiesa. Venne poi proseguito lungo strada Maggiore e davanti alla facciata del tempio.

Il portico più alto della città è, invece, quello in via Altabella dove il palazzo arcivescovile ha un loggiato che sfiora i 10 metri e venne edificato intorno al 1293.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vacanze di maggio al caldo: le destinazioni migliori

Vacanze low cost a giugno 2020: le destinazioni più economiche

Leggi anche
  • Zoom TorinoZoom Torino, il primo parco bioimmersivo d’Italia

    Alla scoperta del primo ed unico parco bioimmersivo d’Italia: zoom Torino

  • zocalo città del messicoZocalo, Città del Messico: storia e attrazioni

    Tutte le informazioni per conoscere Zocalo, da visitare a Città del Messico.

  • Loading...
  • zanna biancaZanna Bianca, il film che ti porta in Canada

    Per celebrare l’uscita del film Zanna Bianca, Alidays e Geo Travel in collaborazione con Adler Entertainment hanno organizzato un concorso a premi.

  • Yosemite National Park: l'effetto delle cascate di fuoco al tramontoYosemite National Park: l’effetto delle cascate di fuoco al tramonto

    Nel mese di Febbraio le cascate del Yosemite National Park, le Horsetail Fall, sembrano far cadere della lava. Gli esperti: “è un’illusione ottica”.

  • yawarakan's cafe il bar dei pelucheYawarakan’s cafe: dove si trova il bar dei peluche?

    Tutte le informazioni e le curiosità sul Yawarakan’s cafe: il bar dei peluche.

Contents.media