San Miguel: curiosità e bellezze dell’isola portoghese

La guida ad un meraviglioso viaggio alla scoperta dell'isola di San Miguel nelle Azzorre.

L’isola di San Miguel è un piccolo paradiso verde nelle Azzorre, un luogo di pace e di bellezza. La maggiore per estensione, che vanta luoghi incantevoli immersi nella natura. Vediamo quali sono le attrazioni e i posti più belli da vedere durante una vacanza in questo angolo di paradiso.

San Miguel: l’isola verde

L’isola di São Miguel è la maggiore dell’arcipelago delle Azzorre, è anche nota come l’Ilha verde. Si tratta di un’isola montuosa costellata da crateri vulcanici molti dei quali sono occupati da laghi pittoreschi.

Enormi prati caratterizzano il paesaggio dell’isola, alternati a macchie di boschi situati nelle valli scavate dai torrenti.

Un luogo in cui la natura regna sovrana, e che regala uno spettacolo di colori e di profumi.

Advertisements

Vediamo, quindi, quali sono i luoghi più belli da esplorare durante una vacanza sull’isola verde delle Azzorre.

San Miguel

Lagoa das Sete Cidades

Il Lagoa das Sete Cidades, o Laguna delle Sette Città, è uno dei laghi più spettacolari dell’isola.

Si tratta di un lago gemello situato nel cratere di un vulcano dormiente. È, infatti, costituito da due piccoli laghi ecologicamente diversi collegati da uno stretto stretto , attraversato da un ponte.

Il Lagoa das Sete Cidades fa parte di un paesaggio naturale di interesse comunitario. In più, è il più grande specchio d’acqua della regione e una delle più importanti risorse di acqua dolce dell’arcipelago.

Lagoa das Sete Cidades

Lagoa do Fogo

Altro paesaggio spettacolare che merita di essere visto è quello del Lagoa do Fogo, o Laguna del Fuoco. Il lago vulcanico si trova all’interno del Água de Pau Massiccio strato vulcano, nel cuore dell’isola. Si tratta, inoltre, del lago più alto di San Miguel.

Lagoa do Fogo

Vila Franca Islet

Poco distante dall’isola, spettacolare è l’isoletta di Vila Franca Islet. L’intero isolotto e le acque circostanti costituiscono una riserva naturale protetta, pur rimanendo una meta ambita per il nuoto e le immersioni.

L’isolotto di Vila Franca è ciò che rimane esposto di un cono vulcanico di origine freatomagmatica eroso dal mare e dalle forze sismiche nel tempo. È composto principalmente da basalto e tufo palagonitico, con formazioni rocciose fratturate verticalmente simili a colonne. L’isolotto, inoltre, contiene alcune grotte sottomarine molto suggestive.

Piantagione di tè

Fondata nel 1883, la Piantagione di tè Cha Gorreana è la più antica dell’isola. Qui si può assistere ad una guida sulla piantagione e visitare in autonomia la fabbrica. Una visita tra i profumi del tè, per assistere a tutti i processi di produzione.

Inoltre, è possibile fare una passeggiata tra le piantagioni lungo i particolari sentieri che si snodano tra le piante.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

San Biagio: la storia e la tradizione del 3 febbraio

Home restaurant di Firenze: i migliori da scoprire

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media