Notizie.it logo

Clima delle Azzorre, il periodo migliore per un viaggio

Azzorre

Scopri le Azzorre, i loro paesaggi e il loro clima mite tutto l'anno.

Questo remoto arcipelago abbonda semplicemente di avventure. C’è chi le descrive come le Hawaii del Medio Atlantico. Qui puoi trovare balene di livello mondiale, vela, immersioni, escursioni e provare anche la canoa. E non è tutto. Ci sono anche surf eccellente e altri sport acquatici; ricche opportunità a cavallo, in bici o, per i temerari, in parapendio. Poi c’è il paesaggio stesso: un paese delle meraviglie con vasi di fango ribollente, caverne fantastiche e laghi dai crateri vividi, di chiara origine vulcanica.
Le Azzorre ospitano due dei quindici siti Patrimonio dell’Umanità del Portogallo: i vigneti di Pico e la città vecchia di Angra do Heroismo a Terceira e ben tre biosfere (Graciosa, Flores e Corvo). Il governo regionale ha rafforzato questa situazione con una rete pluripremiata di parchi naturali e riserve marine per salvaguardare l’ambiente incontaminato.
Se state pensando di partire per le azzorre, consigliamo di consultare expedia per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a booking

Azzorre

Con la liberalizzazione del settore delle compagnie aeree che rende le isole più accessibili che mai, le Azzorre si trovano in una buona posizione per capitalizzare finalmente il loro vasto potenziale come esempio di turismo sostenibile a livello mondiale.

L’arcipelago delle Azzorre ha un passato colorato che risale alla sua scoperta nel 15° secolo. Nel corso della sua storia, ha sperimentato prosperità, pirateria e rivoluzione. Ai giorni nostri è rinomata per la sua atmosfera rilassata e per i suoi paesaggi spettacolari, attraendo turisti da tutto il mondo.

Storia

Si ritiene che l’arcipelago sia stato scoperto intorno al 1427 dal navigatore portoghese Dioo de Silves, che inizialmente sbarcò sulle isole delle Azzorre di Santa Maria e São Miguel. Cinque anni dopo, un altro esploratore, Goncalo Velho Cabral, sbarcò a Santa Maria con 12 membri dell’equipaggio.

Tuttavia, fu solo nel 1439 che i coloni, originari della regione del Portogallo dell’Algarve, iniziarono ad abitare le isole.

Nel decennio successivo, l’isola più grande, Sao Miguel ha attratto famiglie portoghesi e francesi che hanno riconosciuto la fertilità dell’isola atlantica. La produzione di grano, canna da zucchero e arance ha portato a una crescita economica positiva nelle Azzorre, alimentando un’ulteriore espansione della popolazione e della forza lavoro.

All’inizio del XVII secolo, Sao Miguel era diventato un importante punto di riferimento per la lotta contro i pirati europei. Tutto ciò prima che alla fine cadesse nelle mani delle truppe spagnole. Tuttavia, tornò alla dominazione portoghese nel 1640. A questo punto, Ponta Delgada era stata nominata la capitale delle Azzorre e il principale centro economico grazie alla sua posizione strategica sulla costa.

Terceira, la terza isola ad essere colonizzata, divenne una fonte di grande orgoglio per il Portogallo nel 16° secolo.

Diventò infatti l’ultimo dei territori del paese a cadere al re di Spagna Filippo II nel 1583. Dopo aver coraggiosamente difeso l’isola per due anni, i portoghesi furono conquistati dalle forze del re, che si trasferirono a occupare le Azzorre. Durante i decenni di controllo spagnoli, i locali rimasero fedeli alla monarchia portoghese.

L’Ottocento

Dopo il restauro della corona portoghese, le isole attraversarono un lento periodo di sviluppo e continuarono a funzionare come un importante centro agricolo ed economico. Dopo lo scoppio della guerra civile portoghese nel 1820, Terceira divenne il quartier generale del nuovo regime portoghese guidato da Maria I, con Angra nominata la nuova capitale costituzionale del Portogallo, in opposizione alla capitale delle forze assolutiste a Lisbona.

Durante la seconda guerra mondiale, il dittatore portoghese Antonio de Oliveira Salazar prese in affitto basi navali in tutte le Azzorre nella Germania nazista, ma in seguito cambiò politica, permettendo agli inglesi di localizzarsi nell’arcipelago, alterando le fortune delle forze alleate per un periodo significativo durante la battaglia dell’Atlantico .

Un anno dopo, la Marina americana costruì una base aerea su Santa Maria, ma in seguito fu trasferita nella sua attuale casa su Terceira, Lajes Field.

Clima Azzorre

Situate nell’Atlantico settentrionale, le Azzorre hanno un clima marittimo moderato con estati calde e inverni miti. I mesi più caldi cadono tra giugno e agosto quando le temperature possono raggiungere i 26° C a causa degli effetti del passaggio della Corrente del Golfo. Tuttavia, l’arcipelago è molto lontano nell’Atlantico, quindi dovrebbero essere previste piogge tropicali, specialmente tra novembre e marzo.

La temperatura scende a circa 13° C a febbraio quando ci sono un certo numero di giorni ventosi e nuvolosi. La copertura nuvolosa è abbastanza comune durante tutto l’anno e la temperatura media annuale è di circa 17° C.

A causa del tempo imprevedibile, in particolare nelle destinazioni più alte, si consiglia di indossare giacche impermeabili indipendentemente dal periodo dell’anno.

Quando andare

Le Azzorre sono una destinazione ideale per coloro che vogliono sperimentare qualcosa di più di una semplice vacanza al mare. Offre una gamma di attività sia interne che esterne, la maggior parte delle quali sono accessibili tutto l’anno. L’arcipelago ospita un flusso costante di viaggiatori durante tutto l’anno, in particolare nella vivace Ponta Delgada, con una maggioranza di stabilimenti e attrazioni. I mesi estivi con le migliori condizioni meteo tendono ad essere affollati, quindi se hai intenzione di visitare tra giugno e agosto, è consigliata la prenotazione anticipata e ci si deve aspettare folle.

Le isole Azzorre più piccole di Flores e Corvo sono molto tranquille per gran parte dell’anno, il che è in linea con il numero limitato di alloggi e punti ristoro sulle isole. Sia la primavera che l’autunno sono grandi momenti per visitare l’arcipelago bucolico, mentre il paesaggio si trasforma, offrendo paesaggi fantastici e un clima piacevole. Le gite in autunno offrono anche ai visitatori l’opportunità di assaporare il vivace festival della vinificazione sull’isola di Pico, che cade nella prima settimana di settembre e che è stato celebrato per oltre un secolo. Molti altri eventi e feste religiose si svolgono durante tutto l’anno, in particolare durante i caldi mesi estivi.

Cosa mettere in valigia

Per adattarvi al clima e alla gente, optate per un look elegante e casual. Le Azzorre sono molto popolari con il set da diporto quindi portate scarpe da passeggio, jeans eleganti o pantaloni di lino, camicie a maniche lunghe. Che tu sia nelle principali località turistiche, in campagna o in spiaggia, l’abbigliamento è rilassato e pratico ma elegante e alla moda. Ricorda di portare abiti di fattura leggera; sono facili da lavare e da far asciugare rapidamente.
Le estati sono molto calde e i tessuti traspiranti leggeri funzionano meglio con il calore.
Quando si visitano ristoranti, gli abiti sono perfettamente accettabili.
Se hai intenzione di goderti le passeggiate intorno alle isole e ai crateri vulcanici avrai bisogno di attrezzature per attività all’aperto. Questo è un paese cattolico che osserva le sue feste, quindi assicuratevi di coprirvi in ​​chiesa.

Cosa mettere ai piedi

Questa è una destinazione ideale per camminare: che si tratti di un cratere a lunga distanza o di un’isola che cammina o di brevi passeggiate. Se stai andando in campagna, assicurati di indossare scarpe da passeggio con supporto per la caviglia. E ricordati le calze da trekking: sono progettate appositamente per mantenere i piedi asciutti e comodi in climi più caldi. Se la tua vacanza è principalmente a piedi, potresti seguire la nostra lista di escursioni.
Assicurati di avere a portata di mano il costume da bagno se vuoi immergerti nella piscina termale di Furnas. Un asciugamano da viaggio in microfibra sarà pratico da asciugare in seguito: sono piccoli, leggeri e facili da imballare e si asciugano molto velocemente.

Il whale watching è un viaggio popolare da vari posti, il migliore è Pico e Faial tra maggio e inizio ottobre. Le brezze lo faranno sentire più fresco in mare, quindi prendi qualcosa da avvolgere intorno a te, ma non dimenticarti che il sole sarà forte ei suoi raggi saranno intensificati dall’acqua, quindi indossa molta crema solare e occhiali da sole. Ti potrebbe piacere anche mettere in valigia un rimedio per il mal di mare!

Il tempo e il clima: come vestirsi

Il tempo è molto variabile, ma le temperature sono miti tutto l’anno.
Può piovere in qualsiasi momento e il nostro consiglio è di portare sempre con te un impermeabile leggero o un piccolo ombrello da viaggio anche in estate.
I mesi invernali (novembre, dicembre, gennaio, febbraio e marzo) sono caldi. Così come la primavera (aprile e maggio) e l’autunno (settembre e ottobre) e vestirsi a strati ti aiuterà a far fronte a qualsiasi cambiamento di temperatura. In estate (giugno, luglio e agosto) è più caldo, quindi indossa un sacco di crema solare occhiali da sole e un cappellino.

Se vuoi mimetizzarti e sentirti più a tuo agio, prepara un abbigliamento casual elegante.
Alcuni pezzi di bigiotteria ben scelti trasformeranno qualsiasi outfit in un capolavoro.
Un’elegante pashmina o sciarpa aggiungerà un po’ di glamour, inoltre ti terranno caldo se l’aria condizionata si rivelerà troppo feroce. Il vestito da ristorante è casual elegante; un semplice prendisole con gioielli e una bella sciarpa, o pantaloni di un tessuto particolare saranno perfetti.

Per gli uomini i pantaloncini sono una scommessa sicura, ma anche un paio di pantaloni lunghi per un pranzo più intelligente. L’abito da ristorante è casual ma non c’è bisogno di cravatte o giacche. In effetti, nel caldo dell’estate molti uomini scelgono combinazioni più intelligenti. Basta un completo di lino o un pantalone leggero di colori tenui.

Cos’altro portare

Puoi comprare i tuoi articoli da toeletta e la crema solare lì, ma c’è una scelta limitata e possono essere molto più costosi che a casa. L’inglese è ampiamente parlato, ma i locali apprezzeranno i tuoi sforzi con alcune parole di portoghese, quindi un frasario o un’app saranno utili.
Un leggero zaino da giorno o tracolla ti sarà utile per portare con te le cose più importanti.

Se si tende ad acquistare acqua in bottiglia, prendere in considerazione una bottiglia d’acqua filtrata: riempila da qualsiasi fonte e ottieni acqua potabile pulita e sicura senza sprecare bottiglie di plastica.
Per utilizzare i dispositivi elettrici potrebbe essere necessario un adattatore da viaggio e un convertitore di tensione step down se i dispositivi non sono progettati per la tensione europea (230 V).
Se si è fuori tutto il giorno e si utilizza il telefono come una fotocamera, la batteria potrebbe scaricarsi abbastanza velocemente. Prendi in considerazione l’idea di utilizzare un caricabatterie a energia solare per fare il pieno di energia: l’ultima cosa che vuoi fare è perdere un’eccellente opportunità fotografica o restare incagliato su una strada di montagna senza un telefono.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche