Slovenia: le cicogne del Prekmurje che nidificano sui tetti

Nella regione di Prekmurje, in Slovenia, il particolare spettacolo dei nidi di cicogne sui tetti.

Nella regione di Prekmurje, in Slovenia, ogni anno si possono ammirare sui tetti degli enormi nidi di cicogne. Uno spettacolo curioso, che affascina e richiama turisti e appassionati di birdwatching. Ma scopriamo il motivo di questo particolare fenomeno e tutte le curiosità.

Le cicogne della Slovenia

Nella regione di Prekmurje, in Slovenia, si può ammirare un fenomeno davvero particolare. La regione di Oltremura è una delle sette province storiche della Slovenia. La provincia fa parte della regione statistica della Murania, ed è situata nell’estremo nord-est del paese oltre il fiume Mura.

Al confine con l’Austria, l’Ungheria e la Croazia, questa regione ha una particolarità molto interessante. Infatti, su tutto il territorio si possono ammirare enormi nidi di cicogne sui tetti di case e chiese, ma anche su alberi e lampioni della luce.

Parliamo di nidi piuttosto grandi, che superano il metro di diametro. Le cicogne realizzano questi nidi con fango e paglia, ma anche bastoncini e rami.

cicogna

I nidi di cicogna

Date le dimensioni dell’esemplare, i nidi non possono che avere delle dimensioni importanti. Spesso si trovano in luoghi soleggiati, e possono raggiungere anche un metro di altezza.

Con queste dimensioni, i nidi pesano fino a 500 chiogrammi.

La cosiddetta storklja, ovvero la cicogna bianca in sloveno, ha fatto di Prekmurje la sua casa, tanto da esserne diventata l’emblema e il simbolo turistico.

Infatti, si è persino conquistata l’effigie sulla moneta da un centesimo.

La cicogna sceglie un posto per costruire il nido, e qui vi resterà per un paio di decenni. Infatti, questo elegante e bellissimo animale è per tradizione simbolo di fedeltà, fecondità e felicità.

La maggior parte delle coppie di cicogne resta monogama per tutta la vita, ossia circa tent’anni, e ritorna ogni anno a occupare lo stesso nido.

La coppia di cicogne insieme lo costruisce, vi cova e vi alleva amorevolmente i piccoli, che cominciano a volare dopo due mesi. In primavera, poi, prima arrivano i maschi per sistemare i nidi, poi le femmine, mentre a fine estate partono in stormi prima i giovani, poi i maschi e infine le femmine.

Simbolo della cicogna

La cicogna bianca, anche detta cicogna europea, appartiene alla famiglia Ciconiidae. L’esemplare è diffuso soprattutto tra Europa, Africa e Asia.

In diverse parti del mondo, come in Italia, la cicogna è associata alla nascita di un neonato. Tuttavia, l’origine di questa associazione è incerta, anche se fin dai tempi antichi il ritorno della cicogna era associato alla primavera e dunque al concetto di rinascita e rigenerazione.

Un motivo plausibile potrebbe essere la scelta delle cicogne di nidificare i comignoli dei camini accesi, per stare più al caldo. Infatti, quando nasceva un bambino i camini venivano accesi per riscaldare la casa.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Esperienze romantiche per San Valentino: idee per coppie

La ragazza dei tulipani: location e curiosità sul film

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media