Notizie.it logo

Compagnie aeree e voli cancellati per Coronavirus: l’elenco

compagnie aeree voli cancellati coronavirus

Quali sono i voli che sono stati cancellati dalle compagnie aeree a causa del Coronavirus.

A causa del Coronavirus, sono tante le compagnie aeree che hanno ridotto i voli da e per l’Italia e numerosi sono i voli cancellati. Anche nel resto d’Europa sono state ridotte drasticamente le partenze, ma conosciamo più nel dettaglio la situazione.

Coronavirus: compagnie aeree voli cancellati

L’Europa e il mondo intero si sta bloccando a causa del nuovo Covid-19, con trasporti ridotti all’essenziale.

Le partenze, infatti, sono crollate del 90% agli aeroporti di Venezia e Milano, mentre Roma Fiumicino ha perso i due terzi. Un Paese ormai isolato, con pochissimi voli essenziali che partono dai pochi aeroporti ancora operativi.

Una delle poche compagnie aeree che ancora vola è Alitalia, con solo il 30% dei voli.

Il traffico aereo in Italia è crollato di oltre il 76% rispetto ai flussi del mese di febbraio.

Per alcuni aeroporti, inoltre,come quelli di Perugia e Comiso, i voli sono stati tutti cancellati.

A Venezia, i voli sono stati ridotti del -91,7%, -86,9% a Milano Malpensa e -86,4% a Linate.

aeroporto

Europa

Un significativo crollo delle prenotazioni è stato registrato anche negli altri aeroporti dell’Eurozona. Infatti, in data 12 marzo, a livello europeo, c’è stata una riduzione di 4.600 voli, stando ai dati di Eurocontrol.

Questo calo è stato segnato soprattutto a causa delle limitazioni sui viaggi applicate proprio in Italia.

Voli cancellati in Italia

Analizzando il traffico aereo con Flightradar24, i dati sono:

  • -100% di partenze a Perugia e Comiso
  • Ancona -86%
  • Napoli -84%
  • Catania e Pisa -81%
  • Genova -78,6
  • Torino -78%
  • Cagliari e Firenze -76%
  • Fiumicino -68,6% (chiuso il Terminal 1 e sposta tutto al T3)
  • Ciampino -39,1% (chiude ai passeggeri sabato 14 marzo su disposizione del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti)

Cancellazioni e conseguenze

A causa delle restrizioni, l’Italia causa una notevole riduzione anche dei voli operati dalle principali compagnie aeree europee, tra voli nazionali, internazionali e intercontinentali.

Tuttavia, il calo più significativo lo ha registrato la compagnia aerea di bandiera, Alitalia che tra divieti di altri Paesi, è stata costretta a cancellare il 70% dei suoi voli quotidiani, che contavano, in media, circa 520.

Ma oltre alle compagnie italiane, anche altre compagnie aeree stanno registrando dati negativi.

Uno di questi è il Gruppo Lufthansa, che è il più colpito.

Anche Swiss scende a -40,2% dei voli, non solo nelle tratte da e per l’Italia, ma anche nel resto d’Europa e del mondo, così anche Austrian Airlines con il -36,6%, Lufthansa -33,1% e Brussels Airlines con il -27,9%.

Per le compagnie low cost, infine, Vueling segna -23,9%, Wizz Air un calo del 20,7%, Ryanair del -19,5%, Eurowings -16,4% e EasyJet -13,1%.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche