Amsterdam: tutte le attrazioni turistiche

Un mondo di attrazioni turistiche vi aspettano ad Amsterdam.

Una delle destinazioni di viaggio più popolari in Europa, Amsterdam è una città compatta, affascinante e cosmopolita che invita all’esplorazione, grazie alle sue tante attrazioni turistiche.

Amsterdam: attrazioni turistiche

Conosciuta come la “Venezia del Nord” per i suoi più di 100 canali, la capitale dei Paesi Bassi offre facili avventure turistiche a piedi, in bicicletta e in barca.

L’architettura ben conservata e attraente del XVII secolo di Amsterdam fornisce uno sfondo pittoresco e incongruo per una città famosa per i suoi atteggiamenti moderni e progressisti. Dai musei d’arte della città ai suoi colorati mercati dei fiori, dai “coffeeshop” che vendono cannabis al quartiere a luci rosse, c’è qualcosa di eccitante e unico da scoprire ad Amsterdam ad ogni angolo.

Canali di Amsterdam

I famosi canali furono costruiti durante il XVII secolo per controllare il flusso del fiume Amstel e per aggiungere acri di terra asciutta alla città.

I ricchi mercanti di Amsterdam scoprirono presto che i canali erano ideali anche per mettere in mostra i loro palazzi. Un giro in barca lungo uno dei 100 canali della città offre ai visitatori un modo rilassante per vedere l’architettura tradizionale olandese. Fiancheggiati da olmi e tigli e attraversati da più di un migliaio di ponti, i canali ospitano circa 2.000 case galleggianti, compresi gli hotel. Gli operatori turistici offrono una varietà di crociere, che vanno da escursioni di un’ora a crociere a lume di candela.

Rijksmuseum

Occupando la sezione nord-est della Piazza dei Musei, il Rijksmuseum è senza dubbio il più importante dei musei d’arte e di storia della nazione. La collezione totale conta più di un milione di artefatti che risalgono dal 13° secolo in poi. Per decenni, la collezione è stata ospitata in edifici in tutto il paese fino al 1876, quando l’architetto Pierre Cuypers vinse un concorso di progettazione e iniziò la costruzione del Rijksmuseum. Inaugurato nel 1885, il museo ha attualmente circa 8.000 oggetti esposti, i più famosi dei quali sono dipinti di Rembrandt, Frans Hals e Johannes Vemeer. Il capolavoro di Rembrandt, La ronda di notte, vale da solo il prezzo d’ingresso.

Museo Van Gogh

Situato sul lato nord-ovest della Piazza dei Musei, o Museumplein, il Museo Van Gogh ospita la più grande collezione al mondo di dipinti e lettere dell’artista. Ospitato in un edificio di quattro piani progettato da Gerrit Rietveld negli anni ’70, il museo è una delle attrazioni turistiche più visitate di Amsterdam. Duecento dipinti del post-impressionista olandese occupano il secondo piano del museo. Esposte cronologicamente, le opere d’arte offrono agli spettatori uno sguardo intimo sull’evoluzione dello stile di Van Gogh. La terza storia contiene informazioni sulla vita travagliata dell’artista e sugli sforzi fatti per restaurare i suoi dipinti. Le opere dei contemporanei di Van Gogh, compresi artisti come Millet, Gaugin e Daubigny sono esposte all’ultimo piano.

Begijnhof

Il quartiere di Begijnhof, o cortile di Beguines, occupa il cerchio centrale del sistema di canali circolari di Amsterdam. Nel XIV secolo, l’area era un cortile chiuso che serviva come residenza per la sorellanza delle beghine cattoliche. Il Begijnhof non era un convento nel senso tradizionale perché le donne erano libere di lasciare l’ordine se sceglievano di sposarsi. Quando la cappella della sorellanza fu confiscata durante la Riforma, iniziarono a pregare segretamente al Begijnhof Kapel, una struttura affascinante dotata di colonne di marmo e vetrate colorate. Begijnhof è anche sede della Chiesa Riformata Inglese, costruita intorno al 1392. Anche la più antica casa di legno conservata della città, che risale al 1465 circa, si trova all’interno del Begijnhof.

Casa di Anna Frank

L’attrazione più visitata di Amsterdam, la Casa di Anna Frank si trova lungo il canale Prinsengracht. La struttura che una volta nascose Anna Frank, la sua famiglia e altre quattro persone ebree dalle autorità naziste durante la seconda guerra mondiale è stata vista come un memoriale dell’Olocausto dal 1947, quando il padre di Anna pubblicò il diario che Anna scrisse mentre vivevano nascosti nell’edificio. Un piano per preservare l’edificio è stato concepito nel 1955, quando i costruttori stavano progettando di demolire la struttura. L’edificio è stato aperto come museo nel 1960. I visitatori possono vedere le stanze in cui Anne ha vissuto e le mostre che raccontano la sua vita troppo breve.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Islanda: posti da visitare, i nostri consigli

Il turismo dei Casinò in Italia si ingrandisce e non è più di nicchia

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media