Anello del Monte Fiegni: informazioni sul tragitto

Tutte le informazioni che servono per fare il percorso ad anello del Monte Fiegni.

Nel corso di un viaggio nelle Marche è possibile esplorare il territorio attraverso splendidi itinerari di trekking. Uno dei tragitti più belli da fare è il percorso ad anello che permette di ammirare il meraviglioso paesaggio del Monte Fiegni.

Anello del Monte Fiegni

Nell’ambito di una vacanza all’interno del territorio marchigiano, è possibile godersi delle bellissime escursioni in montagna. Il territorio delle Marche è infatti ricco di posti magnifici da vedere e di itinerari che permettono di ammirare l’incredibile bellezza dei paesaggi della regione. Nella zona che si trova ai confini del Parco Nazionale dei Monti Sibillini esiste un posto che vale assolutamente la pena di visitare, per rendere decisamente indimenticabile un viaggio.

Advertisements

Si tratta del Monte Fiegni, una delle alture più panoramiche del contesto territoriale marchigiano. In questa splendida location una delle idee più funzionali per esplorare la montagna è quella di intraprendere un percorso a piedi. In questo modo si ha la possibilità di raggiungere un magnifico balcone naturale che offre una spettacolare visuale sull’alta Val di Chienti. Il percorso ad anello è perfetto per trascorrere splendidi momenti all’insegna dell’avventura e del benessere.

Prima di partire per il prossimo viaggio nelle Marche, è molto interessante conoscere tutte le informazioni che servono per godersi al meglio il magnifico itinerario di trekking intorno al Monte Fiegni.

monte fiegni

Il tragitto panoramico

Il percorso panoramico parte presso l’incantevole località di Fiegni. Da lì ci si dirige verso la frazione di Collemese, che si trova nell’ambito del versante occidentale della montagna. Si tratta di uno dei paesini di Fiastra con una visuale perfetta sulla Val di Chienti. Proseguendo nel tragitto si sale in modo graduale e si inizia a scorgere uno splendido panorama sul lago di Polverina. La visuale si estende anche sulla dorsale umbro marchigiana e permette di godere della bellezza della natura incontaminata.

In seguito si raggiunge la chiesetta di Santa Maria Maddalena, che si trova al di sotto del Poggio della Pagnotta, l’anti-cima del Monte Fiegni. Da questo punto ci si muove in direzione dei pascoli e si scende seguendo l’itinerario che si trova sul versante meridionale della montagna. Nel corso di quest’ultimo tratto del percorso è possibile godere di una delle visuali più suggestive dell’intero itinerario. Scendendo dal Monte Fiegni si può infatti ammirare il magnifico Lago di Fiastra.

Caratteristiche del percorso e consigli

Il percorso ad anello presenta un dislivello che in totale si aggira intorno ai 650 metri. Il tempo di percorrenza dell’intero tragitto è di circa 4.30 ore, se si escludono le soste. Per godersi al meglio l’itinerario è consigliabile dotarsi di scarponcini da trekking e portare con sé una felpa e una giacca antivento. Inoltre, data la lunghezza del percorso, è necessario avere con sé occhiali da sole, acqua e un cappello.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Finlandia: la festa del Pikkujoulu che anticipa il Natale

Churchill Arms, Londra: cosa vedere a Natale

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media