Bologna: cosa vedere in 3 giorni

Viaggio a Bologna: cosa vedere in soli tre giorni per non perdersi nulla.

Bologna è una delle più belle città del nord Italia, molto ricca e piena di storia. A questa città sono stati attribuiti nel tempo tre appellativi:

  • La “grassa” per le pietanze e la cucina prelibata, rinomati i tortellini.
  • La “dotta” perché vi risiede la prima Università fondata nel 1088.
  • La “rossa” per la colorazione dei tetti delle sue case.

Se avete a disposizione tre giorni vi segnaleremo cosa vedere a Bologna.

Cosa vedere a Bologna: Primo giorno

Il primo giorno vi consigliamo di dirigervi verso Piazza Maggiore. In questa storica piazza sono stati costruiti i palazzi più importanti della città:

  • Palazzo De Banchi: Con la sua facciata in stile rococò, che servì per nascondere le viuzze retrostanti.
  • Palazzo comunale: Sede istituzionale del Comune di Bologna.
  • Palazzo del Podestà: Il più elegante di Bologna, con i suoi rinomati voltoni, in vari punti opposti delle colonne, nei tempi antichi si usava per parlarsi a distanza, come un telefono senza fili.
  • La Basilica di San Petronio: Questa Basilica merita una visita essendo la quinta chiesa più grande del mondo simbolo di Bologna.

Al centro della piazza invece si trova la fontana del Nettuno, detta il Gigante per la sua altezza di oltre tre metri in puro bronzo e marmo, la statua posizionata al centro della piazza simboleggiava il potere papale.

Cosa vedere a Bologna: Secondo giorno

Durante il secondo giorno potrete dirigervi verso un altro simbolo di Bologna, la torre degli Asinelli, chiamata così per il nome del costruttore Gherardo Asinelli, alta ben 97 metri e la Torre della Garisenda, costruzione menzionata anche da Dante Alighieri, alta solo 47 metri. Queste torri furono erette per difendere la città, costruite in muratura. Le torri sono visitabili e ci si può salire in cima per ammirare la città di Bologna, alla base delle torri ci sono ancora le antiche botteghe degli artigiani.

Dopo le torri, a Bologna possiamo trovare uno dei più grandi edifici sacri, la Basilica di Santo Stefano, la particolarità che contraddistingue questa chiesa è l’unione di varie costruzioni sacre unite nel tempo, che le ha valso l’appellativo di “sette chiese”.

Cosa vedere a Bologna: Terzo giorno

In questa ultima giornata di permanenza a Bologna, non mancate di vedere l’Archiginnasio, uno dei palazzi più belli ed antichi di Bologna, sede prima dell’Università ed ora della Biblioteca comunale, composta da trenta arcate con svariati stemmi nobiliari. Questa costruzione fu voluta da Carlo Borromeo per donare un’università alla città.

Prima di partire e salutare Bologna, andate a dare uno sguardo dalla finestra posizionata in via Piella, magari verso le ore del tramonto. Quello che vedrete è assolutamente spettacolare, avendo Bologna una serie di canali, che l’attraversano, da questa finestra vedrete uno scorcio di un corso d’acqua che è stato soprannominato la “Piccola Venezia“.

Scritto da Caterina Bianco
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa fare la sera a Porto: locali, concerti e giri in barca

Aurora boreale in Norvegia: dove e quando vederla

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media