Convento dell’Annunciata di Medole: storia e visita

Una guida completa per conoscere la storia del bellissimo convento dell'Annunciata di Medole.

Nei pressi del Lago di Garda, nei dintorni di Medole, si trova il bellissimo convento dell’Annunciata. Si tratta di uno splendido luogo ricco di storia, immerso nel verde della natura.

Convento dell’Annunciata di Medole: la storia

Nella valle che si trova ai piedi delle colline Moreniche, nelle vicinanze del Lago di Garda, si trova il bellissimo convento dell’Annunciata.

Si tratta di un’antica casa di famiglia, situata nel cuore di un fitto bosco, nel territorio di Mantova. La struttura presenta una raffinatezza ed una cura dei dettagli molto evidente. Tutto questo si mescola piacevolmente ad un gusto sottile per la semplicità. La meravigliosa costruzione ha una lunga storia alle sue spalle.

La storia del convento

Nel 1455 gli Eremitani di Sant’Agostino ricevettero in dono questa splendida struttura.

Advertisements

In origine si trattava di una casa di famiglia, motivo per cui il convento presenta tuttora uno stile elegante e sobrio. L’importanza che negli anni è stata raggiunta dal luogo di culto è testimoniata da diversi avvenimenti. In particolare, il 28 giugno 1543 l’imperatore Carlo V si recò in visita presso questo bellissimo convento. In quell’occasione, egli fece un simbolico dono ai frati presenti in loco. Si trattava di un breviario finemente rilegato in argento.

Anche San Luigi Gonzaga decise di visitare il convento, nel corso della sua vita. Il motivo di tanta attenzione da parte del Santo era un’immagine della Vergine situata nel convento, che era ritenuta miracolosa.

205f8

La storia del convento dell’Annunciata assunse nei secoli caratteristiche particolari. Il luogo di culto fu oggetto di contesa per oltre 160 anni. Due rami della famiglia Gonzaga cercarono di rivendicarne la proprietà, anche con la forza. Nel 1783 venne dichiarata la soppressione del convento in qualità di luogo di culto. Da allora la proprietà è passata nei secoli di mano in mano per via ereditaria. Nel 1885 Francesco Ceni ottenne la possibilità di celebrare messa all’interno del convento, riconfermandone il ruolo di luogo adibito a cerimonie religiose.

Il convento oggi

Attualmente all’interno del convento vengono celebrati riti di matrimoni civili. Lo scenario paesaggistico lo rende una location perfetta per tali eventi. La bellezza del bosco in cui il convento è ubicato conferisce al posto un’atmosfera altamente romantica. La natura circonda l’edificio e lo rende isolato da possibili fonti di disturbo. La posizione particolare del convento lo rende un luogo incantato, grazie anche alla presenza di bellissimi esemplari di varie specie animali. Si possono infatti vedere, se si è fortunati, scoiattoli, volpi ed aironi. Il chiostro ed il laghetto completano l’incantevole paesaggio. Oggi il convento dell’Annunciata fa parte dell’ADSI, l’Associazione Dimore Storiche Italiane.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il sito archeologico di Tiscali, in Sardegna: storia e visita

Il mercato contadino più grande del sud si trova a Napoli

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.