Copenaghen cosa vedere, luoghi di interesse

Atmosfera magica, casette colorate e la storica Sirenetta, questa è la suggestiva Copenaghen.

Copenaghen: cosa vedere nella città delle meraviglie? Per facilitare il percorso, ai turisti conviene partire dalla Stazione Centrale di Copenaghen. L’edificio della stazione ha un immenso valore storico, subito davanti alla stazione si può ammirare il Parco di Tivoli, il terzo più visitato d’Europa, nonché abbastanza grande.

Al suo interno regna un’atmosfera di magica calma e tranquillità.

Cosa vedere a Copenaghen

I musei di Copenaghen

Principalmente sono due i musei che non si possono proprio perdere nella Capitale danese: il Museo Nazionale della Danimarca e il Museo New Karslberg. Entrambi sono dei musei di arte, storia e cultura che offrono agli interessati la possibilità di osservare una vasta gamma di oggetti dall’elevatissimo valore, facendo un tuffo nella profonda storia locale.

Advertisements

Una grande attenzione va prestata alle gallerie d’arte: la Capitale della Danimarca ha sempre dato spazio a tutto ciò che riguarda l’arte, in ogni sua forma. Non a caso, gli artisti qui sono sempre tantissimi: le piazze letteralmente pullulano di artisti di strada di varie età.

L’isola di Slotsholmen

Immediatamente dietro al Museo Nazionale della Danimarca si trova l’isola di Slotsholmen, una delle principali attrazioni di Copenaghen, poiché questo è il centro storico della città.

Proprio da qui, difatti, è stata sviluppata l’intera infrastruttura cittadina: è considerato il punto in cui nacque la Capitale della Danimarca.

Sull’isola si può salire gratuitamente sulla torre del Palazzo di Christiansborg: un grande punto di osservazione sulla città di Copenaghen. Sull’isola non bisogna dimenticarsi del Museo di Thorvaldsen.

Altresì da visitare assolutamente è la Biblioteca Reale della Danimarca, che al giorno d’oggi ospita una collezione di libri davvero molto ampia.

La biblioteca stessa include una piattaforma panoramica da cui è possibile ammirare la riva sullo stretto che divide la città in due parti. L’isola, anche se piccola, può richiedere molto tempo per ammirarla nella sua totalità. Lasciando il lato opposto dell’isola si può riposare nella Chiesa di Holman e dopo alcuni minuti più avanti vedere il Royal Danish Theatre.

Il Palazzo Reale di Amalienborg

Il palazzo è molto insolito: sono 4 edifici quasi identici costruiti in cerchio.

Al centro sorge una scultura di Federico V, il re della Danimarca che ha fondato questo posto. Scattare delle foto qui è abbastanza difficoltoso per due ragioni: il posto è insolitamente grande e spesso ci sono numerosi turisti che vogliono scattare delle fotografie anch’essi.

La Chiesa di Federico V sorge nelle immediate vicinanze del palazzo e viene considerata un po’ come il cuore pulsante del Palazzo Reale di Amalienborg.

Infine, non resta che recarsi presso la statua della Sirenetta. Dal Palazzo Reale di Amalienborg ci vogliono circa 15 minuti di cammino durante i quali si possono ammirare anche gli altri edifici che hanno il tipico stile di questa città.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

San Nicola Arcella: Arcomagno e storia

Spiaggia Torre dell’Orso, lidi e cosa vedere

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media