Dintorni di Matera: cosa vedere, cosa non perdere

La città dei sassi resta nel cuore, ma se si ha qualche giorno in più, alcuni luoghi nei dintorni di Matera valgono la visita

La città dei sassi resta nel cuore e negli occhi di chiunque la visiti, ma se si ha qualche giorno in più da spendere, alcuni luoghi nei dintorni di Matera valgono la visita

Dintorni di Matera: Craco, la città fantasma

Craco

Tra il Mar Ionio e l’Appennino Lucano, Craco custodisce ancora tante tracce della sua storia, che tra leggende e dissesti, l’ha portata ad essere la città fantasma di oggi.

Un tempo centro strategico militare normanno molto importante (ancora svetta il torrione quadrato che domina il paese, risalente al regno di Federico II grazie alla sua posizione sopraelevata), Craco è anche protagonista di una leggenda, che narra come San Maurizio qui vi si fermò, al ritorno dalle crociate.

L’abbandono del paese fu lento ma inesorabile: dopo un forte terremoto nel 1688, nel 1963 una disastrosa frana segnò la necessità di una fuga definitiva della popolazione, costretta a lasciare le proprie abitazioni e a trasferirsi a valle.

Oggi Craco è ancora una meraviglia per migliaia di turisti, italiani e stranieri, nello stesso modo in cui ha saputo affascinare registi, che l’anno scelta come set per alcune scene dei propri film.

Dintorni di Matera: Altamura, la città del pane

Altamura

La città di Altamura, già in provincia di Bari ma a neppure 20 chilometri dal Matera, è conosciuta per il suo patrimonio archeologico e storico e per il suo pane DOP.

Caratteristico di queste terre grazie a un’agricoltura dedita alla coltivazione dei cereali, accanto alla quale si è sviluppata nel tempo l’industria di trasformazione del grano, con la produzione di diversi tipi farine e di semole che hanno fatto nascere, e conoscere nel mondo, il Pane di Altamura.

Dintorni di Matera: Gravina di Puglia, la città sotterranea

Le chiese sotterranee di Gravina di Puglia

A poca distanza da Altamura sorge Gravina di Puglia, città di oltre 40mila abitanti, di nota soprattutto per le sue numerose chiese scavate nella roccia.

I ritrovamenti archeologici parlano di Gravina già nel VII secolo a.C.: dapprima sotto l’influsso della Magna Grecia, poi fu occupata da Roma, per poi divenire facile preda per le razzie dei visigoti di Alarico e dei vandali di Genserico. Fu proprio la distruzione dei centri abitati a spingere le popolazioni a rifugiarsi nel sottostante burrone, la gravina appunto: nacque così la prima Gravina sotterranea, che nel tempo vide la costruzione di chiese scavate nel tufo.

Il reticolo sotterraneo che si snoda sotto la città è una meraviglia da non perdere, e non solo per gli appassionati di archeologia.

Scritto da Chiara Alboni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Autunno in Italia, le città da visitare

Visitare Torino in tre giorni: cosa vedere, cosa non perdersi

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media