Kalsoy: cosa vedere e le escursioni consigliate

Tutti i consigli per visitare l'isola di Kalsoy: ecco cosa vedere e le escursioni più suggestive da fare

Gli amanti della natura, della quiete e delle escursioni apprezzeranno senza ombra di dubbio l’arcipelago di Farøe e in particolar modo l’isola Kalsoy.

Le 18 isole dell’arcipelago di Farøe sono situate nell’Oceano Atlantico e sono uno dei territori più incontaminati e remoti d’Europa, in cui la vita scorre lenta e immutata negli anni.

Dopo aver scoperto quali sono le attrazioni turistiche più belle degli USA e cosa vedere a Gravina di Puglia, partiamo alla volta delle isole Farøe e di Kalsoy.

Kalsoy: l’isola e cosa vedere

Kalsoy

A Kalsoy l’estate è molto breve e il clima anche nel resto dell’anno non è dei più incoraggianti per i turisti, ma coloro che non si lasceranno abbattere da questo aspetto avranno la possibilità di scoprire un mondo incantato e completamente diverso dalle metropoli in cui siamo soliti vivere.

L’isola di Kalsoy è situata a nord ed è collegata a Klaksvik attraverso un servizio di traghetti.

Nell’isola è presente un’unica strada, scavata nella roccia è costituita da gallerie piuttosto strette e buie, che non le rendono adatte a guidatori inesperti.

Cosa vedere a Kalsoy: il faro di Kallur

Kalsoy

Tra le attrazioni principali dell’isola di Kalsoy c’è il faro di Kallur: per arrivarci bisogna attraversare il villaggio di Trøllanes e da lì si può proseguire per il faro, con uno dei trekking più affascinanti, ma anche pericolosi, di tutta l’isola.

Bisogna ricordare che – soprattutto in autunno e in inverno – l’isola viene molto spesso avvolta dalla nebbia: in queste circostanze è necessario rimanere fermi dove si è e aspettare che passi per evitare incidenti a causa degli strapiombi nascosti.

Cosa vedere a Kalsoy: la leggenda della donna-foca

Kalsoy

L’isola di Kalsoy è ricca di suggestive leggende, ma la più famosa è quella che riguarda la cosiddetta donna-foca: secondo la leggenda, le foche – una volta l’anno – si spogliavano della loro pelle, diventando umane e danzavano tutta la notte sulla spiaggia.

Una sera però un contadino rubò la pelle di foca ad una giovane donna di cui si invaghì; la mattina seguente la ragazza si mise a cercare la pelle di foca per tornare in mare, ma scopri che gliel’aveva rubata il contadino.

Quest’ultimo la costrinse a sposarlo e chiuse la sua pelle in una cassa di cui portava sempre con sé la chiave.

Una mattina il contadino uscì e dimentico la chiave a casa: resosi conto della dimenticanza tornò subito a casa, ma la cassa era aperta e della donna e della sua pelle non c’era più traccia.

La donna foca aveva subito ripreso la sua pelle ed era fuggita in mare.

Scritto da Carola Mulfari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Torino e i bambini, tante belle scoperte per tutta la famiglia

Vacanze a Gallipoli: scopri cosa fare nelle Maldive del Salento

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media