Monte Grappa: la guida ai sentieri facili adatti a tutta la famiglia

I sentieri facili più belli da intraprendere sul Monte Grappa, la principale cima del massiccio del Grappa, tra le prealpi Venete.

I sentieri del Monte Grappa, oltre ad offrire panorami mozzafiato, sono anche facili e adatti a tutti, ideali per una piacevole gita fuori porta. Una passeggiata non impegnativa in mezzo alla natura, lungo il massiccio del Grappa, nel cuore delle prealpi Venete.

Scopriamo, quindi, quali sono i sentieri più interessanti da intraprendere.

Monte Grappa, sentieri facili: la guida

Il monte Grappa è la cima principale di quello che è noto come il massiccio del Grappa. Si erge fino a 1775 metri sopra il livello del mare tra le prealpi Venete, regalando un panorama incredibile sulla valle del Brenta, la valle del Pieve e del Feltrino.

Il massiccio del monte Grappa è una meta molto popolare tra i turisti che amano immergersi nella natura, ma non solo.

Advertisements

Si tratta, infatti, di un importante pezzo di storia, teatro di scontri decisivi della Prima Guerra Mondiale.

Sul monte, infatti, non mancano monumenti storici come il Sacrario Militare del Grappa, situato sulla cima più elevata.

Quelli che prima erano sentieri di guerra e mulattiere, oggi sono diventati sentieri escursionistici, alcuni facili e adatti a tutti, mentre altri più complessi e ideali per chi ha una buona preparazione fisica e resistenza.

I sentieri facili permettono non solo di ripercorrere tratti storici, ma anche di immergersi nella bellezza del paesaggio.

Vediamo, quindi, quali sono i percorsi più belli da intraprendere.

Monte grappa

Bosco degli Eroi

Un percorso interessante, che unisce storia e paesaggio, è quello del Bosco degli Eroi, che percorre anche un breve tratto dell’Alta Via degli Eroi. Il sentiero è uno dei più completi sia dal punto di vista storico che naturalistico, ma è adatto a tutti.

Il percorso si sviluppa ad anello, per un totale di 9 chilometri.

Il punto di partenza è il Rifugio Bocchette, a 1300 metri sopra il livello del mare, e percorre un dislivello di 400 metri.

Lungo il cammino si incontrano postazioni che spaziano dall’arte alla scultura, immersi nella natura. Un percorso che emoziona con poesie da leggere e sculture in legno.

Dalla Baita Camol

Un altro sentiero facile è quello che parte dalla Baita Camol e raggiunge la cima del monte.

La baita si trova a 1210 metri sopra il livello del mare, e il percorso presenta un dislivello di circa 600 metri, con un totale di 2 ore di cammino.

Si tratta di un’escursione molto panoramica e percorre le creste dei vari monti del Grappa come il monte Legnarola, il Monte Palla, il monte Colombera e il monte Meda.

Per intraprendere questo percorso bisogna seguire il segnavia n.100 per l’andata. Per il ritorno, invece, si può scegliere una seconda via, percorrendo il sentiero n.180.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Castello di Entreves, Courmayeur: storia e curiosità

Migliori enoteche di Genova: idee per l’aperitivo

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media