Porto Alegre, tutto sulla località brasiliana

Porto Alegre, un luogo ricco di vita e attrazioni, da togliere il fiato.

Un’anima multiculturale proiettata al futuro ed un profondo rispetto per la storia e per le tradizioni hanno reso Porto Alegre una delle città più grandi, vivibili e ricche del Brasile odierno.

Dal 1772 infatti la città ha saputo accogliere i molti immigrati che la hanno eletta come loro nuova patria valorizzandone il contributo sociale tramite un sistema virtuoso che oggi si traduce in una città multiculturale capace di ospitare 1.5 milioni di abitanti che generano un reddito pro capite tra i più alti del Brasile.

Questo è in grado di garantire un tasso di alfabetizzazione pari al 98%, che tutte le abitazioni della città siano raggiunte dalla corrente elettrica e vengano servite dalla rete Wi-Fi in fibra ottica più estesa del paese disponibile anche, gratuitamente, in moltissimi ambienti pubblici e spazi commerciali.

La capitale dello Stato del Rio Grande do Sul però ha conservato la sua anima squisitamente brasiliana rintracciabile nel curatissimo centro storico e nella vivissima tradizione Fazendera capace di valorizzare l’incredibile patrimonio rurale della città con aziende agricole ed allevamenti estremamente efficienti e molto caratteristici.

Advertisements

Porto Alegre: clima e quando partire

Collocata all’estremo sud del paese la città gode di un clima molto simile a quello mediterraneo caratterizzato però da inverni meno rigidi che registrano le temperature più basse nei mesi di luglio e di agosto – con una media di circa 15°C – ed estati più umide che raggiungono le massime temperature nei mesi di gennaio e febbraio con una media di circa 27°C.

Inoltre, sempre durante il periodo estivo, Porto Alegre riporta un minor numero di temporali rispetto al resto del Brasile mentre, durante la stagione invernale, le precipitazioni si allineano col resto del paese arrivando fino a 12 giorni di pioggia al mese.

Il periodo perfetto per visitare la città pertanto è quello che va dalla metà di aprile sino a giugno; ovverosia durante la stagione autunnale che si contraddistingue per un clima secco, giornate calde e soleggiate e notti fresche e ventilate.

Va fatto notare però che se siete amanti della natura e dei suoi paesaggi il periodo perfetto potrebbe essere quello primaverile: le campagne che circondano la città saranno in fiore ed offriranno un paesaggio bucolico in grado di far dimenticare il clima più umido e piovoso.

Porto Alegre: come muoversi in città.

Per raggiungere Porto Alegre partendo dall’Italia sarà necessario fare scalo presso Rio de Janeiro o presso São Paulo per poi imbarcarsi su uno dei voli interni che vi porterà a destinazione.

Una volta arrivati presso l’aeroporto internazionale di Salgado Filho potrete raggiungere comodamente il centro città, che dista circa 11km, affidandovi al vostro mezzo preferito tra autobus, metropolitana, Aeromovél, taxi od Uber.

L’ Aeromovél è un piccolo treno che viaggia su binari sopraelevati e collega l’aeroporto alla stazione centrale: comodo e conveniente, la corsa costa poco meno di un euro, offre una bella prima vista panoramica della città.

Uber invece è una celebre App nata a San Francisco che offre un servizio di trasporto automobilistico privato mettendo in contatto diretto drivers e clienti: un’opzione che a Porto Alegre riscontra molto successo poiché meno esosa delle compagnie taxi tradizionali. Uber inoltre risulta particolarmente utile durante gli spostamenti notturni: la metropolitana cittadina infatti collega soltanto il centro città all’aeroporto mentre gli autobus sono organizzati in maniera molto caotica e sono raccomandabili solo per chi conosca bene la città o parli un minimo di portoghese.

Il discorso cambia radicalmente se si parla dei pullman turistici: i classici autobus a due piani “cabrio” fanno tappa presso moltissimi dei luoghi storici della città attraverso due itinerari distinti.

Il centro storico e le aree turistiche vengono tutelate dalla massiccia presenza delle forze dell’ordine ma esistono ancora delle zone – ad esempio Azenha, Bom Jesus, Cavalhada, Cidade Baixa, Fim, Ipanema, Lindoia – in cui furti con destrezza e borseggiamenti rimangono frequenti.

È però un problema che riguarda principalmente i locali; i turisti potranno sentirsi sicuri e a loro agio, specialmente se eviteranno di camminare in zone isolate o poco trafficate (soprattutto nelle ore notturne), se non porteranno gioielli ed orologi vistosi, se eviteranno di girare con molto contante e di prendere l’autobus.

Cosa vedere a Porto Alegre

La città è viva e attiva ed offre, all’interno del centro storico, moltissime possibilità culturali e folcloristiche tra cui spicca lo spazio del Mercado Publico. Eretto nel 1869 seguendo un progetto raffinato ed elegante che arricchisce lo stile coloniale con diversi tocchi moderni, oggi ospita oltre cento diversi stand che offrono una moltitudine di prodotti alimentari tipici e fanno mostra dell’artigianato locale. Qui potrete passare una pausa pranzo indimenticabile gustando i piatti proposti dai molti ristoranti tipici o dando sfogo alla vostra voglia di shopping.

Tappa obbligatoria durante la passeggiata nel centro storico è quella presso il Teatro di San Pedro che, tra i più considerati e rinomati del Brasile, ostenta il suo stile barocco ed ospita una accattivante selezione di drammi teatrali e di spettacoli musicali nonché una rinomata caffetteria che si affaccia sulla stupefacente Praça da Matriz.

Inoltre, sempre in centro, troviamo la rinomata Catedral Metropolitana Madre de Deus, un’imponente cattedrale dallo stile classico che ha saputo integrarsi alla perfezione con l’ambiente tropicale anche grazie alle meravigliose e variopinte decorazioni presenti sulla parte alta della facciata. Una struttura che risulta particolarmente familiare grazie al restauro subito nel corso del 1929 a cui presero parte diversi progettisti italiani inviati dal Vaticano e dall’Accademia delle Belle Arti di Roma.

Nelle dirette vicinanze sorge infine la Igreja de Nossa Senhora das Dores chiesa che mostra uno stile barocco dalle forti influenze coloniali su cui svettano due torri che sorvegliano e sovrastano l’intera zona in cui sorge anche la Casa de cultura Mario Quintana, un centro policulturale tra i più rinomati del Paese ospitato da un palazzo inaugurato nel 1933 che riesce a fondere perfettamente uno stile architettonico classico con accenni e decorazioni dal sapore quasi Liberty valorizzati da una tinta tenue e delicata.

Porto Alegre si riconferma importante meta culturale anche grazie alla valida offerta museale tra cui spicca il Museo di Scienza e Tecnologia interamente dedito allo sforzo di trasmettere l’importanza dello studio e della divulgazione di tutte le materie scientifiche. E se il PUCRS è il tempio della scienza il MARGS è quello dell’arte: nelle sue stanze vengono messe in mostra svariate opere di arte moderna divise tra collezioni permanenti e mostre temporanee a cui si affianca una vasta biblioteca.

Infine il MACRS offre una vasta selezione di opere contemporanee che rappresentano il meglio della produzione artistica brasiliana odierna organizzate in diverse mostre dai temi estremamente attuali.

Come abbiamo detto in precedenza la città non ha mai trascurato la sua storia o le sue tradizioni ed ha continuato a valorizzare il suo enorme potenziale naturale e paesaggistico diventando una delle città più “green” del Paese.

Esemplare in questo contesto il Parque da Redenção polmone verde della città che occupa circa 40 ettari del centro storico ed ospita oltre 30 monumenti di rilevanza storica e diversi spazi dedicati al divertimento dei più piccoli.

Ogni sabato il parco ospita la Feira Ecológica mentre la domenica è possibile assistere al Brique da Redenção, un mercato a cielo aperto nel quale sono esposti prodotti dell’artigianato locale, opere d’arte e pezzi d’antiquariato. Il Parçao invece è il luogo perfetto per una rinvigorente corsetta, attorno al bellissimo lago artificiale popolato da pesci e tartarughe.

Se invece preferite un approccio più pacato e meditativo il Praça Provincia de Shiga è il luogo che fa per voi: sarà facilissimo rinfrancare lo spirito all’interno di questo meraviglioso e curatissimo giardino giapponese donato alla città dal Governo nipponico.

Infine Porto Alegre riesce ad offrire diverse spiagge nonostante non si trovi sulla costa: in prossimità dei laghi e dei fiumi più importanti della zona infatti sono state realizzate delle spiagge che possono ospitare moltissimi bagnanti ed offrire loro un paesaggio naturalistico assolutamente incredibile.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Portogallo cosa vedere con i bambini: storia e divertimento

Gran Canyon South cosa vedere: tutte le tappe

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media