Salar de Uyuni quando andare: tutti i consigli

Salra de Uyuni, un lago particolarissimo che vi lascerà a bocca aperta.

Salar de Uyuni: la distesa salata più grande del mondo, scopri quando andare, qui sotto.

Salar de Uyuni, cos’è

Situata nelle Ande a sud-ovest della Bolivia, questo territorio si espande per quasi 12.000 chilometri quadrati. Caratterizzato da distese di sale bianchissimo, ha un aspetto desertico con piantagioni di cactus ed innumerevoli formazioni rocciose.

Importante é anche la presenza numerica dei fenicotteri rosa, nonostante non ci sia una quantitá eccessiva di fauna.

Salar de Uyuni è un ex lago con una tale percentuale di sale che si é nel tempo prosciugato e crostificato.

Il panorama é quello di una lunghissima distesa bianca luccicante, composta da parti più pianeggianti alternate a piccole dune. Il clima é quello del deserto, molto caldo e afoso.

Salar de Uyuyni quando andare

Uno dei periodi in cui questo luogo risulta visitabile è durante l’estate australe: durante questo periodo, che va da novembre a marzo, il Salar risulta coperto da un sottilissimo strato di acqua che rende l’intero spazio come uno specchio riflettente.

Advertisements

Questo periodo è anche il più pericoloso, perché cercando di affrontare il lago, ci si può perdere a causa degli effetti della luce sullo stesso.

Durante l’inverno pieno le temperature sono troppo rigide perché le visite siano permesse: il salar durante questo lasso di tempo é pieno di neve. D’estate invece, gli hotel caratteristici costruiti col sale sono inaccessibili perché poco sicuri.

Nel periodo di aprile/maggio ed in quello di ottobre/novembre le temperature non sono eccessive nè estreme ed il salar stesso non è ricoperto d’acqua.

I quattro mesi in questione sono quindi i migliori per le visite a questo luogo incantato e le prenotazioni per vivere questo tipo di esperienza risultano essere maggiori e più proficue.

Si consiglia di affidarsi a guide esperte del luogo, che possano fornire specifiche indicazioni su come e quando affrontare questo tipo di visite, in uno dei luoghi più affascinanti della Terra, poichè l’esperienza di persone addette rappresenterá un’ulteriore sicurezza affinchè questo tipo si esperienza sia affrontata al meglio.

Salar de Uyuni: come visitarlo

La visita del luogo è consigliabile mediante una jeep 4×4 in modo generale; durante la stagione delle piogge possono essere utilizzate barchette opportune. Anche nel caso di traversate a piedi, si ricorda che, essendo un lago interamente fatto di sale, la corrosione ed il consumo dei materiali utilizzati (scarpe da trekking e bici) per la visita, sono maggiori rispetto ad una comune passeggiata in qualsiasi altro luogo.

Uno spettacolo simile non é di certo comune e soddisfa le menti dei migliori avventurieri che cercano estremismi. Stiamo parlando di un lago prosciugato che ha rivelato una crosta di sale per migliaia di chilometri, cioè di un panorama unico ed irripetibile. Visitato durante il giusto periodo dell’anno, questo luogo rimarrà impresso nella mente di ogni avventore.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Venezia cosa visitare con i bambini: tutte le idee

Ferrara cosa vedere in 1 giorno: una visita rapida

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media