Strada del prosecco, Valdobbiadene: cosa vedere

Tutte le informazioni che servono per conoscere la Strada del prosecco di Valdobbiadene.

Durante una vacanza in Veneto, è possibile ammirare splendidi territori naturali e visitare magnifiche località. Una delle esperienze più interessanti da fare nel territorio veneto è quella di percorrere la Strada del prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene.

Strada del prosecco, Valdobbiadene

La Strada del prosecco è uno degli itinerari più interessanti da seguire durante un viaggio nel territorio del Veneto. Si tratta di una strada inaugurata durante il 2003, che ha una lunghezza totale di ben 90 chilometri. La strada ricalca quella inaugurata nel 1996, che ha rappresentato il principale percorso per godersi un perfetto tour enogastronomico in Veneto. Durante il viaggio è possibile ammirare splendidi paesaggi caratterizzati dalla presenza di sconfinati vigneti.

Advertisements

Inoltre, la strada offre l’opportunità di visitare alcuni dei borghi più caratteristici del territorio veneto. Il percorso si snoda attraverso le colline verdeggianti che si trovano tra Conegliano e Valdobbadene ed è un itinerario perfetto per godersi al meglio una vacanza in Veneto.

conegliano e dintorni cosa vedere

Itinerario: i borghi

Il viaggio inizia a partire dal borgo di Conegliano, presso l’Istituto Enologico Cerletti. Si tratta della prima scuola enologica fondata nel territorio italiano e risale al 1876. In seguito, è interessante raggiungere il borgo di Collalbrigo, per ammirare la visuale panoramica sui colli ricchi di vigneti. Dopo aver superato il paesino di Rua si arriva presso San Pietro di Feletto, dove si trovano altri splendidi punti panoramici.

La strada prosegue verso Refrontolo, dove si può visitare il famoso Molinetto della Croda. In seguito si passa da Solighetto e si attraversa Farra di Soligo. Presso il borgo di Col San Martino si possono trovare splendidi punti panoramici che danno sulle incantevoli colline venete. Nel corso del viaggio si arriva poi presso la località di Colbertaldo, dove il paesaggio inizia a mutare. Le casette lasciano spazio al verde delle alture e si prosegue attraversando alcuni dei vigneti più belli del territorio veneto.

Percorso panoramico

Il viaggio prosegue in direzione nord e conduce presso l’area più importante del percorso, un punto nel quale viene prodotto il prestigioso Prosecco Superiore Docg. Si tratta della bellissima zona di Cartizze, nella quale si produce l’omonimo spumante. In seguito si attraversa la località di Follo e si passa per Santo Stefano e San Pietro di Barbozza. Il viaggio di andata si conclude presso il caratteristico borgo di Valdobbiadene. Il percorso che conduce nuovamente presso il borgo di Conegliano consente di attraversare splendide località. Si va in direzione Campea, superando il fiume Soligo. Mentre si attraversano altri magnifici borghi, si possono ammirare le splendide colline venete che sfumano verso la pianura. Mentre i rilievi si attenuano lungo la strada si giunge infine presso la località di Conegliano.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Weekend romantico in Friuli-Venezia Giulia: turismo di coppia

Galles, cosa vedere assolutamente: i posti più belli

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media