Aragona in Spagna: cosa vedere, storia, tradizioni e feste

Cosa vedere e cosa fare nella regione dell'Aragona, in Spagna, alla scoperta della storia e delle tradizioni del luogo.

La guida a cosa vedere nella comunità autonoma dell’Aragona, in Spagna, la storia e le tradizioni di questa terra meravigliosa.

Aragona, Spagna: cosa vedere

L’Aragona è una comunità autonoma del nord-est della Spagna posta al confine con la Francia, la Catalogna, Valencia e Castiglia-La Mancia, Castiglia e León, La Rioja, e Navarra.

Terra di contrasti, di montagne e di pianure, ricca di meraviglie che incantano il turista.

Una regione che richiede tempo per essere visitata, perché i luoghi da visitare sono tantissimi, come la meravigliosa capitale, Saragozza. Qui splendidi sono la Basilica di Nostra Signora del Pilar, la Cattedrale del Salvatore e il Castello dell’Aljaferia.

Molto famose, poi, sono le tappe del Monte Perdido nel Parco Nazionale di Ordesa, al confine con la Francia, e il suggestivo Monastero de Piedra con le sue incantevoli cascate.

Ordesa e Monte Perdido, Spagna

La storia

L’Aragona vanta una storia importante che inizia nell’Antichità con i Vasconi, Iberi e Celtiberi. Venne, poi, conquistata da Roma nel II secolo a.C. ed entrò a far parte, in età augustea, della Tarraconense. Profondamente romanizzata, l’attuale Aragona conobbe un periodo di notevole sviluppo nei primi due secoli dell’era volgare.

Poi, durante le invasioni barbariche, l’Aragona fu uno degli ultimi baluardi romani nella penisola iberica, resistendo alla penetrazione visigota per oltre un ventennio.

Prima che la regione venisse interamente liberata dai Mori, l’Aragona si era costituita in regno indipendente nel 1035, denominato Corona d’Aragona, che perdurò per quasi sette secoli, fino alla Guerra di successione spagnola.

Poi, nel 1469 si unirono le dinastie fra la Castiglia e la Corona d’Aragona con il matrimonio di Ferdinando II d’Aragona ed Isabella I di Castiglia.

aragona

Tradizioni

Oltre allo spagnolo, lingua ufficiale dello Stato, è ancora diffuso l’aragonese, parlato attorno al XIII secolo in gran parte della regione. La cultura aragonese è molto differente sia da quella castigliana che da quella catalana, e il nazionalismo aragonese, sviluppatosi notevolmente a partire dagli anni settanta del XX secolo, ne riflette la diversità. Tuttavia la stragrande maggioranza dei nazionalisti aragonesi non rivendica l’indipendenza per la propria regione di appartenenza.

Tradizioni

Feste

Molte feste tradizionali vengono celebrate nell’intera regione, e sono molto interessanti da assistere, con usi e costumi radicati nella tradizione aragonese.

Il 5 gennaio, ad esempio, c’è la cavalcata dei re Magi con una parata nel centro di Saragozza e abiti di scena. Il santo patrono di Saragozza, invece, si festeggia il giorno di San Valero, con eventi per grandi e piccini nelle piazze principali.

Molto importante, poi, anche il carnevale che viene festeggiato con carri e costumi. A maggio, invece, c’è la Fiestas de Primavera che annuncia l’arrivo della nuova stagione.

Una delle feste maggiori di Saragozza, poi, è la Festa del Pilar che celebra il Virgen del Pilar, con la famosa offerta floreale. Non manca, poi, la tradizionale processione del Rosario de Cristal con lanterne galleggianti. La festa dura 7 giorni e parte dal 12 ottobre.

Feste

Piatti tipici

Parte fondamentale del viaggio sta nell’immergersi in tutti gli aspetti della vita del luogo, perciò anche nella cultura gastronomica.

Tra i piatti più famosi da provare troviamo il Ternasco al horno con patatas, un agnello al forno con patate, asparagi e carciofi, la Migas aragonesas con mollica, uova fritte e acini d’uva, e la borrajas con patatas.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I più bei boschi da visitare in Lombardia: la guida

Camp Nou di Barcellona: tutte le info su orari, visita e come arrivare

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zermatt estate 2020Zermatt estate 2020: tutte le informazioni

    Tutte le informazioni che servono per visitare Zermatt durante l’estate 2020.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.