Come visitare la Castelluccia di Battipaglia, Campania

La Castelluccia di Battipaglia si trova a Battipaglia, comune campano in provincia di Salerno.

La Castelluccia di Battipaglia sorge su una collina, in posizione sopraelevata, dominando la Piana del Sele e regalando ai visitatori una vista suggestiva. Scopriamo insieme come visitarla.

Le origini della Castelluccia sono molto antiche; le prime testimonianze risalgono al 1080, quando in un manoscritto del re normanno Roberto il Guiscardo vengono menzionati alcuni famosi edifici della zona: la Castelluccia di Battipaglia, il Duomo di Salerno e la chiesa di S. Vito al Sele. La Castelluccia di Battipaglia fu edificato come castello difensivo, per proteggere gli abitanti delle terre del Tusciano: tale ragione spiega la sua posizione sopraelevata e strategica.

Advertisements

La Castelluccia rimase tra i possedimenti della chiesa salernitana fino al XII secolo. Successivamente il castello passò nelle mani di Federico II di Svevia che, essendo in contrasto con le autorità ecclesiastiche, non lo restituì alla chiesa salernitana.

La storia della Castelluccia, dunque, è antica e travagliata e funge da preziosa testimonianza delle tracce che il passato medievale ha lasciato sul territorio salernitano. Tuttavia, nonostante il suo stimato valore storico e artistico, la Castelluccia di Battipaglia si trova oggi in stato di abbandono e necessiterebbe di urgenti e immediati lavori di recupero e restauro.

Le autorità locali si dicono impegnate alla ricerca di fondi, provenienti da enti pubblici o da fondazioni private, nella speranza di salvare la Castelluccia di Battipaglia dal degrado che spesso avvolge e distrugge il ricchissimo patrimonio artistico e culturale italiano. Attualmente l’associazione Civica Mente è all’opera per recuperare l’identità storica della Castelluccia, per sottrarla dallo stato di rovina in cui versa, anche attraverso opere di sensibilizzazione della cittadinanza.

Dalla Castelluccia di Battipaglia si gode di un panorama molto suggestivo, in grado di attirare numerosi turisti. La struttura della Castelluccia è molto affascinante e potrebbe diventare una meta ambita, soprattutto per gli amanti della storia e dell’architettura. L’aspetto attuale della Castelluccia risale a un restauro dei primi del Novecento: la facciata è arricchita da tre torri quadrangolari e si apre in un’ampia corte interna dove si trovano una chiesetta, le cucine, un frantoio e altri locali come i bagni, in cui è ancora visibile la caldaia per l’acqua.

Nonostante numerose aree siano inagibili, visitare la Castelluccia di Battipaglia è un’esperienza storica e culturale importante, che simboleggia la vitalità e la rilevanza del passato italiano, non solo medievale. La visita è gratuita e consigliamo ai visitatori di privilegiare i mesi primaverili e estivi, per godere appieno del meraviglioso panorama.

Scritto da Valentina Nobile
1 Comment
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Guida alle prelibatezze culinarie napoletane - Viaggiamo
20 Ottobre 2017 11:59

[…] o babbà. Eccoci ad un altro dei capisaldi della cucina della Campania. Anche se, al pari della pizza, il babà viene imitato e realizzato in tutta Italia, […]

Come organizzare vacanza low cost a Praga

Quanto costa crociera Danubio Vienna-Praga

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media