Cosa serve per viaggiare in Spagna: una piccola guida

Che cosa serve per viaggiare in Spagna. Alcuni consigli per organizzare il nostro soggiorno

La Spagna è una terra fatta di contrasti. Non è un paese molto grande, ma si suddivide in tante regioni, chiamate comunidades autónomas, tutte completamente diverse fra loro e contraddistinte da differenze non solo culturali e geografiche ma anche gastronomiche e talvolta anche linguistiche.

È probabilmente nella diversità che la Spagna trova la sua maggior ricchezza e ciò che la rende una terra dal fascino veramente unico.

original

Alcune premesse

Informarsi

La Spagna ha una storia socioculturale, politica nonché artistica molto complessa ed interessante.

È bene documentarsi e avere qualche conoscenza sulla sua cultura, sulle numerose tradizioni e condizioni attuali prima di organizzare qualunque tipo di soggiorno nel paese.

Pianificare

Un viaggio risulta ancora più piacevole quando è organizzato, magari non nei minimi dettagli, ma almeno sotto alcuni aspetti. È importante non cercare di programmare tutto e dare un certo spazio all’improvvisazione durante un viaggio; tuttavia, è anche opportuno avere almeno in mente un itinerario ben definito da seguire tenendo a mente il proprio budget ed esigenze personali.

Stop ai pregiudizi

La Spagna è un paese sorvegliato e sicuro, grazie all’eccellente lavoro offerto dalle forze dell’ordine: vanta con un tasso di criminalità molto basso. Inoltre, conta con uno dei migliori sistemi sanitari esistenti in Europa.

introducingmalaga 01 header 170323 101053 1490260253

Cosa serve per viaggiare in Spagna: alcune informazioni

Visto

Per la maggior parte dei residenti in altri paesi dell’Europa non è richiesto il visto per poter entrare in Spagna, dato che fa parte dell’Unione Europea e della zona Schengen. Presso il paese, tuttavia, si può soggiornare fino a un massimo di 90 giorni. La moneta ufficiale continua ad essere l’euro, sebbene la gente anziana parli ancora di pesetas.

Lingua

La lingua ufficiale è il castigliano, che subisce però molte variazioni a seconda del tipo di contesto in cui ci si trova. Molte regioni hanno il proprio dialetto, come il galego, il basco o il catalano. È risaputo che gli spagnoli parlano poco in inglese, ma se chiedi indicazioni saranno sempre disponibili ad aiutarti in qualche modo.

Costo della vita

La Spagna, nel complesso, è uno dei paesi più economici dell’Europa occidentale – i prezzi, tuttavia, variano sempre a seconda della regione presso la quale si decide di soggiornare. La Catalogna e i Paesi Baschi sono le regioni più costose mentre l‘Andalusia e la Galizia quelle più economiche.

Gastronomia

La Spagna ha una gastronomia molto variegata e molto ricca. È probabile tornare con qualche chiletto in più dopo un viaggio in Spagna. È frequente per gli spagnoli andare in un ristorante o in un bar a tapear, cioè a mangiare piccole porzioni di cibo servite spesso su un pezzetto di pane. Fra las tapas più comuni e apprezzate si ricordano las croquetas, el pincho de tortilla, el pan tumaca, el jamón serrano, las patatas bravas o el pincho de morcilla. È comune e considerato quasi di buona educazione lasciare un po’ di mancia (propina) al cameriere. A differenza di molti altri grandi paesi europei, in Spagna si mangia solitamente più tardi: si pranza verso le 14.00-14.30, talvolta alle 15; si fa merenda alle 18.00, più o meno, e la cena si consuma in un lasso di tempo che va dalle 21.00 alle 22.00.

tapas bar 2

Trasporto

La Spagna si adatta a tutti i budget, dai più bassi ai più alti, e ad ogni esigenza senza problemi. È un paese che si può girare perfettamente da nord a sud nel treno spagnolo di alta velocità (“Ave”), per esempio. A differenza dell’Italia, in Spagna si usano anche molto i taxi per spostarsi da una parte all’altra nelle grandi città. Il trasporto pubblico è molto efficiente nonostante i costi siano piuttosto bassi. Esistono, inoltre, numerose tariffe agevolate. È poco comune e difficile fare autostop.

Clima

Anche la varietà climatica è all’ordine del giorno e cambia a seconda della regione e del periodo dell’anno in questione. L’estate, dal caldo secco, è estremamente torrida soprattutto a sud e nel centro del paese, con picchi di temperatura che raggiungono facilmente i 40 gradi. I mesi autunnali, come quelli primaverili, sono i migliori per andare in Spagna dato che di giorno le temperature si mantengono stabili sopra i 20 gradi e di sera scendono un po’ ma non in modo eccessivo per sentire freddo. L’inverno è molto freddo nel nord e nel centro della Spagna, piovoso e tendenzialmente ventoso.

5c25d 0c16c 35b40 cfe42 7399c 948bf13a 054e 4108 bb4a 8beae066add2

Alcune mete

Andalusia (e Cabo de Gata); zona centrale della Spagna (Madrid, Toledo, Cuenca, Segovia, Salamanca); i Paesi Baschi; la costa mediterranea (Valencia, Murcia, Catalogna); Nordest della Spagna (Galizia, Asturie); le tante isole della Spagna (come Maiorca, Minorca o Tenerife).

acantilados cabo gata

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Port Antonio in Giamaica: cosa vedere assolutamente

Le 10 città più grandi del mondo per estensione

Leggi anche
  • Zoom TorinoZoom Torino, il primo parco bioimmersivo d’Italia

    Alla scoperta del primo ed unico parco bioimmersivo d’Italia: zoom Torino

  • zocalo città del messicoZocalo, Città del Messico: storia e attrazioni

    Tutte le informazioni per conoscere Zocalo, da visitare a Città del Messico.

  • Loading...
  • zanna biancaZanna Bianca, il film che ti porta in Canada

    Per celebrare l’uscita del film Zanna Bianca, Alidays e Geo Travel in collaborazione con Adler Entertainment hanno organizzato un concorso a premi.

  • Yosemite National Park: l'effetto delle cascate di fuoco al tramontoYosemite National Park: l’effetto delle cascate di fuoco al tramonto

    Nel mese di Febbraio le cascate del Yosemite National Park, le Horsetail Fall, sembrano far cadere della lava. Gli esperti: “è un’illusione ottica”.

  • yawarakan's cafe il bar dei pelucheYawarakan’s cafe: dove si trova il bar dei peluche?

    Tutte le informazioni e le curiosità sul Yawarakan’s cafe: il bar dei peluche.

Contents.media