La desolata location del film “Revenant”

I registi del film "Revenant" hanno scelto per le riprese un luogo ostile, difficile e poco confortevole. Quali sono le location?

Il film è ambientato in Dakota nel 1823, segue le vicende di un gruppo di cacciatori, guidati da Hugh Glass, interpretato dal celebre Leonardo DiCaprio, che vengono attaccati dalla tribù nativa Arikara, che miete molte vittime

Terrorizzati dalla possibilità di un nuovo assalto, i superstiti abbandonano la nave con la quale stanno risalendo il corso del fiume.

In un pericoloso e selvaggio cammino Di Caprio si scontrerà con la natura violenta impietosa, lasciando gli spettatori col fiato sospeso e impressionati.

La desolata location del film “Revenant”

I registi del film “Revenant” hanno scelto per le riprese un luogo ostile, difficile e poco confortevole, del quale hanno sfruttato tutte le luci naturali, senza l’aggiunta di alcun effetto per alternarne la resa. In questo modo, quello che ne esce è un’ambientazione scura, desolata e completamente selvaggia.

Ma dove sono avvenute realmente le riprese del film? Scopritelo insieme a noi!

Kananaskis Country, Canada

La location utilizzata per lo più è il Canada: il complesso di parchi del Kananaskis Country.

Ci sono 51 parchi, che regalano paesaggi e vedute mozzafiato, dove la natura è selvaggia e fiorente. Tuttavia durante l‘inverno l’ambiente si fa piuttosto ostile e impervio, rendendo la vita davvero dura. Il film è stato girato proprio in questo periodo, per riuscire a riprodurre scene crude e pericolose.

Terra del Fuoco, Argentina

Inizialmente l’dea dei registi era quella di girare il film interamente in Canada, a causa dello scioglimento della neve per l’arrivo della primavera.

Le riprese finali sono state girate nella Terra del Fuoco in Argentina, un arcipelago ricoperto di ghiaccio per molti mesi dell’anno.

Il limite delle nevi perenni scende a livello del mare ed è facile imbattersi in “fiumi” di ghiaccio che sfociano nell’oceano Atlantico. Il territorio è quasi completamente ricoperto da una tundra selvaggia.

La più antica popolazione ad abitare questi luoghi remoti fu quella Yamana intorno all’8000 a.C, ma successivamente la zona venne colonizzata dagli Europei. Ad oggi sono sopravvissuti alcuni discendenti degli Yamana, che vivono principalmente di agricoltura.

Scritto da Federica Maldari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I monumenti più belli d’Italia: un viaggio tra l’arte e la storia

Cosa vedere a Bari Vecchia, un centro antico affascinante

Leggi anche
Contentsads.com