Genova in un giorno: i luoghi da non perdere

Dal Porto Antico alla Piazza centrale fino ai carruggi del Centro Storico: cosa vedere a Genova in un giorno

Con il fascino malinconico e decadente delle città portuali, Genova è una città dalla forte identità, percepibile in ogni momento che la si attraversa. Dal Porto Antico alla Piazza centrale, dai carruggi tanto amati nella poesia in musica dell’indimenticato Fabrizio De André, fino agli scorci più nascosti, dal fascino raro e prezioso proprio perché si fanno scoprire con difficoltà.

Se si è curiosi, se si ha la pazienza del viaggiatore che ama assaporare i luoghi e i momenti, Genova sarà una sorpresa che saprà incantarci, anche se avremo un solo giorno per visitarla.

Genova in un giorno: il Porto Vecchio

Ingresso privilegiato alla città, il Porto Vecchio non è solo il luogo d’attracco per le tante imbarcazioni private e le navi da crociera ma è soprattutto il cuore pulsante di Genova, il “salotto” per antonomasia dove i turisti, ma anche gli stessi genovesi, amano passeggiare di giorno e di sera.

Dominato dalla Lanterna, che sta a guardia dal lontano 1128, ma anche dal futuribile ascensore Bigo di Renzo Piano: qui modernità, tradizione e storia convivono quotidianamente, regalando ai visitatori un’immersione esperienziale lungo secoli di storia della città, da assaporarsi anche durante una gita di un giorno.

Genova in un giorno: Piazza De Ferrari

Principale piazza e simbolo della città, Piazza De Ferrari è il punto d’incontro nevralgico tra cultura, società, economia e storia, poiché collega il vecchio centro storico alla parte più nuova e, al contempo, vi si affacciano alcuni tra i principali monumenti e architetture genovesi.

Al centro la monumentale fontana di bronzo del 1936 e, tutt’attorno come in un abbraccio, si affacciano il Teatro Carlo Felice e Palazzo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, la facciata laterale di Palazzo Ducale, il Palazzo della Regione Liguria il Palazzo della Nuova Borsa, uno dei massimi esempi di stile Liberty genovese.

Genova in un giorno: i carruggi della musica di De André

Quello che mi ha colpito del mondo dei caruggi è stata l’abitudine alla sofferenza e quindi alla solidarietà”. Così parlava il più grande cantore e poeta di Genova, Fabrizio De André. Le sue parole e le sue immagini in musica è facile ritrovarle passeggiando per il Centro Storico: i carruggi, o caruggi, sono appunti gli stretti e ombrosi vicoli, spesso sormontati da porticati, tipici di Genova e di altre città liguri. Da visitare al tramonto, percorrendo magari Via del Campo, e osservando i visi della gente, e ascoltandone le voci. Per vivere dentro alla musica di Fabrizio.

E se resterà del tempo, una meta imperdibile, soprattutto per i romantici, sarà Boccadasse, mentre per le famiglie con bambini una visita all’Acquario saprà senz’altro soddisfare ogni aspettativa.

Scritto da Chiara Alboni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dove andare ad ottobre in Italia: mari, monti e colline

Dove andare a ottobre in Europa, le mete più ambite

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media