Grattan Bridge di Dublino: la storia di uno dei simboli della città

La storia e le curiosità sul Grattan Bridge, uno dei più famosi simboli della città di Dublino.

Il Grattan Bridge di Dublino è uno dei simboli della capitale irlandese, tra quelli più fotografati dai turisti. Un ponte che racconta una grande storia e che affascina con le splendide vedute che regala.

Grattan Bridge di Dublino

Ad unire Capel Street a Parliament Street e le banchine sud, nella capitale irlandese, si estende il Grattan Bridge.

Un ponte storico per la città irlandese, divenuto uno dei suoi simboli più importanti.

Il ponte attraversa il fiume Liffey, così come i ponti Ha’penny Bridge e O’Connell Bridge.

Un ponte, tuttavia, che racconta una parte della storia della città, e che offre ai visitatori dei panorami mozzafiato sul corso del fiume.

Grattan Bridge

Advertisements

La storia del ponte

Il primo ponte in questo sito fu costruito da Sir Humphrey Jervis, chiamandolo Essex Bridge dal nome di Arthur Capell, primo conte di Essex , Lord Luogotenente d’Irlanda. Il progetto aveva l’obiettivo di aggiungersi ai numerosi sviluppi di Jervis, compresi Capel Street e Jervis Street, aggiungendosi sul lato opposto del fiume e al Castello di Dublino.

In origine, l’Essex Bridge era una struttura in pietra ad arco con 7 pilastri, e apparentemente in parte costruita dalla muratura in rovina della vicina Abbazia di St.

Mary sul lato nord .

Nel 1687 il ponte fu danneggiato da un’alluvione con la conseguente perdita di un baule e due cavalli. Tuttavia, il danno al ponte è stato solo parzialmente riparato.

Successivamente, nel 1751 il secondo molo più a nord è crollato e ha danneggiato le arcate adiacenti.

La ricostruzione del ponte

Tra il 1753 e il 1755 il ponte fu ricostruito da George Semple, per correggere inondazioni e altri danni strutturali e come una delle prime iniziative della Wide Streets Commission.

Durante la cocostruzione, alcune caratteristiche originali furono rimosse, inclusa la statua equestre di Giorgio I, da John van Nost the Elder. Questa, infatti, fu spostata nel 1798 nei giardini della Mansion House. Nel 1937 fu acquistato dal Barber Institute for Fine Arts di Birmingham, di fronte al quale ora si trova.

Per gran parte del XVIII secolo, l’Essex Bridge è stato il ponte più a ovest sul Liffey.

Tuttavia, dal 1872, il ponte fu ulteriormente rimaneggiato, essendo ampliato e appiattito con supporti in ghisa estesi dalla muratura.

In modo il ponte era capace di sostenere i marciapiedi su entrambi i lati della carreggiata.

Il ponte era, ed è ancora oggi, illuminato da lampadari decorati anch’essi in ghisa.

Il ponte fu riaperto come Grattan Bridge nel 1874, prendendo il nome da Henry Grattan.

Per un breve periodo, nel 2004, sul ponte sono stati costruiti anche diversi chioschi temporanei. Questo perché si desiderava creare una versione contemporanea di un ponte abitato, come il Ponte Vecchio di Firenze. Tuttavia, questi chioschi sono stati successivamente rimossi e venne abbandonato il progetto.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Frantoi aperti Umbria 2020: tutte le informazioni

Cosa fare in autunno in Toscana: idee di viaggio

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media