Notizie.it logo

Come intervenire per shock anafilattico calabrone killer

Come intervenire per shock anafilattico calabrone killer

Con l’avvento dell’estate sorge il problema “puntura d’insetto”. Oggi vi mettiamo in guardia dal calabrone killer di origine cinese e dal suo pungiglione.

Secondo gli esperti questa estate dobbiamo guardarci da una nuova minaccia: si tratta del calabrone killer di origine cinese, la vespa velutina, questo il suo nome scientifico, ha invaso i territori italiani creando problemi addirittura all’intero dell’ecosistema.

Questa varietà di calabrone cinese è facilmente distinguibile da quelli innocui autoctoni: è più piccolo ed inoltre ha le antenne lunghe e nere ed il manto e le zampe gialle e nere. I soggetti più a rischio sono gli apicultori, che per la loro mansione vivono a stretto contatto con ogni qualità di ape, ed inoltre anziani e bambini.

Il pungiglione della vespa velutina a volte è letale per l’uomo: oltre a reazioni di natura cutanea, il calabrone è portatore di malattie cardiovascolari. I sintomi della sua puntura sono variabili:da allergie sino a cambiamenti sistemici repentini, problemi cardiocircolatori e difficoltà respiratoria.

In questi casi la scelta migliore è recarsi al pronto soccorso per effettuare i controlli del caso.

Per coloro i quali è stata diagnosticata una qualsivoglia allergia alle punture d’insetto, con la seria minaccia del calabrone killer è bene munirsi di un kit d’emergenza con antistaminico, cortisonico e un’ iniezione di Adrenalina.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche