“La luce nella masseria”: le location delle riprese

Il film "La luce nella masseria" celebra i 70 anni della tv italiana, raccontando le vicende della famiglia Rondinone. Ma dove si trovano le location?

“La luce nella masseria” celebra i 70 anni della tv italiana: infatti il film è ambientato nel 1962, l’anno in cui anche in Italia arrivò l’affascinante mezzo innovativo della tv.

Protagonista del film è la famiglia Rondinone, molto numerosa e che vive di agricoltura in una masseria a Matera.

A narrare le mille vicende della famiglia è il piccolo Pinuccio, uno dei nipotini più piccoli, molto affezionato allo zio Vincenzo.

Un giorno il capofamiglia, Aristarco, riceva la brutta notizia di una malattia rara, notizia che metterà in difficoltà tutti i Rondinone e soprattutto Vincenzo, che rimane profondamente scottato.

Il film proseguirà con i tentativi di Vincenzo di rimettere in piedi l’attività di famiglia, ma anche sè stesso, con l’aiuto del piccolo Pinuccio e della sua fidanzata Imma.

“La luce nella masseria”: le location delle riprese

Il film è ambientato nella suggestiva e unica Matera, la piccola cittadina della Basilicata caratterizzata dai massi bianchi che la rendono una meta turistica tra le più gettonate d’Italia.

Matera

La storia di Matera risale al periodo del Neolitico, da quando per circa 7.000 anni, si sono succedute popolazioni diverse, facendo di Matera un paese ricco di cultura e storia.

L’antica città è sorta in un’area rupestre a ridosso di una grande spaccatura carsica, chiamata gravina di Matera, sviluppandosi in perfetta armonia con la roccia: gli edifici infatti nascono nelle insenature, cosa che rende unica la cittadina.

Matera fu un importante centro commerciale e di approvvigionamento, durante il periodo greco e romano. Inoltre fu meta di molti monaci bizantini, che costruirono le famose e suggestive chiese rupestri.

I Sassi di Matera

Dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, l’antichissimo insediamento abitativo è stato costruito nella roccia tufacea sul fianco del vallone Gravina. I vicoli tortuosi, il dedalo di grotte, i giardini, i terrazzamenti e i cunicoli lo rendono un esempio di complesso architettonico unico nel suo genere.

La cripta del Peccato Originale

Un tempo usata dai pastori come posto di ricovero per gli animali, la cripta del peccato Originale è una delle chiese rupestri più belle di Matera: fantastici affreschi decorano questa grotta, rendendola ancora più suggestiva.

Scritto da Federica Maldari
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Franco
8 Gennaio 2024 14:57

Ma siete proprio sicuri che Matera è una città pugliese?
Dovreste essere un po’ più precisi visto che consigliate viaggi…

Stefano
13 Gennaio 2024 14:45

Salve, vorrei fare alcune precisazione ed appunti per i viaggiatori interessati alle location del film e non solo. Le vie cittadine riprese nel film appartengono alla città di Matera, la città dei sassi, nonchè seconda provincia della Basilicata. La masseria invece è sita in agro di Gravina in Puglia, antichissima masseria fortificata a circa 7 km dalla città pugliese, integrata nel paesaggio della murgia barese. La masseria è set cinematografico di diversi film ed è visitabile solo mediante appuntamento con la proprietà Pellicciari, nobile famiglia imparentata con il barone Ettore Pomarici Santomasi, grande benefattore della stessa città. Inoltre nella città… Leggi il resto »

Castiglioncello, spiagge libere: le più belle da non perdere

“Povere creature!”: quali sono le location delle riprese?

Leggi anche
Contentsads.com