Notizie.it logo

Matera cosa vedere in due giorni: attrazioni e curiosità

Cosa vedere a Matera in 2 giorni: i Sassi

Cosa visitare in due giorni a Matera: tra i Sassi ma anche molt

Considerato che il 2019 vede la città di Matera capitale europea della cultura, è l’occasione giusta per visitare questo posto incredibile. Matera è una città tra le più antiche del mondo il cui territorio custodisce testimonianze di insediamenti umani a partire dal paleolitico. Rappresenta una pagina straordinaria scritta dall’uomo attraverso i millenni di questa lunghissima storia. Matera è situata nella regione italiana della Basilicata e la sua principale attrazione sono i Sassi di Matera che sono patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Se siete alla ricerca di una guida su cosa vedere a Matera, ecco a voi una lista per visitare al meglio la bellissima città patrimonio dell’UNESCO in 2 giorni.

Matera cosa vedere in due giorni

Per decidere quale itinerario scegliere e cosa vedere in due giorni a Matera, questa è la guida che fa per voi. Qui di seguito vi segeremo un itinerario dettagliato per visitare tutto il meglio di Matera in soli 2 gioni.

Cosa visitare a Matera: casa Noha

Casa Noha si trova a due passi dal Duomo di Matera all’interno di quelli che vengono definiti i Sassi di Matera.

Acquisito dal FAI, questo bene è un’abitazione del 1500 ed è scavata nella roccia. Casa Noha è stata restaurata e allestita dal 2014 con moderne tecnologie multimediali. Quesata racconta la storia di Matera e fa sperimentare un giro virtuale dalla grande forza evocativa, importante per immergersi nello spirito della città. Questo spazio è attrezzato per accogliere visitatori in sedia a rotelle, mentre i bambini saranno particolarmente incuriositi da un tavolo interattivo con 8 monitor touch screen.

Sassi di Matera casa Noha

Matera non solo Sassi: una città in due

Matera non vuol dire solo visitare i sassi, anzi. Oggi infatti la città è alla ricerca di una nuova identità, tra riqualificazione e recupero sostenibile. Partendo dalla zona del centro storico troviamo il Piano, cuore barocco di Matera, con le sue chiese, come quella di Santa Chiara, la maestosa Piazza di Vittorio Veneto e l’imperdibile Museo archeologico Ridola, il più antico della Basilicata. Inoltre sotto piazza Vittorio Veneto è da visitare il famoso Palombaro Lungo o Duomo dell’acqua, praticamente una delle più grandi cisterne d’Europa, scoperta nel 1992.

Palazzo Lanfranchi è un’altra perla da visitare, anche per il suo Museo d’Arte Medievale. Ancora una volta si segnala la possibilità di percorrere agevolmente la zona con i bambini al seguito, anche loro rimarranno abbagliati da quello che vedranno.

Il punto più alto e visibile della città è la Civita, con la maestosa cattedrale del 1200, costruita in stile romanico pugliese: all’interno tutto è stato rifatto con stucchi e dorature, a partire dal 1600.

Una volta entrati, sulla destra, c’è il famoso giudizio universale, unico affresco medievale superstite. La Civita si affaccia a strapiombo sulla bellezza inquietante della Gravina, dando uno sguardo d’insieme sui sassi che lascia esterefatti i visitatori.

Palazzo Lanfranchi Matera

Sassi di Matera, cosa vedere in due giorni: un paesaggio di cultura

Matera è dal 1993Patrimonio Mondiale UNESCO come sito di straordinario valore documentale. Definita da molti come una seconda Betlemme, ben si presta a diventare, occasionalmente, un set cinematografico: proprio in questi giorni si girano alcune scene dell’ultimo J. Bond. I sassi di Matera sorgono lungo una parete del canyon scavato dal fiume Gravina e su quella di fronte, si estende il Parco della Murgia Materana, con i siti archeologici più antichi e interessanti:le chiese rupestri nella roccia, come S. Leonardo e S. Giacomo.

Proprio le grotte naturali scavate nella roccia hanno dato a Matera il nome città dei sassi. Esse si collocano su due anfiteatri naturali: Sasso Caveoso, la zona delle case grotta, e Sasso Barisano, la zona delle botteghe artigianali.La struttura architettonica di questo paesaggio dimostra come l’uomo sia in grado di adattarsi al contesto ambientale e naturale in cui vive. I sassi di Matera sono una struttura complessa ad alto livello di organizzazione, poggiano infatti su 2 sistemi: le grotte allestite come abitazioni, per la maggiore parte recuperate e dietro il reticolato di cisterne, pozzi, cunicoli comunicanti, vicoli.

La storia antropologica di Matera è una delle più affascinanti d’Italia, non è esagerato dire che non si può prescindere dal conoscerla, anche attraverso un breve soggiorno di due giorni.

Ovunque si posa lo sguardo, vengono agli occhi vestigia antiche e preziose, appartenute a tutte le civiltà che hanno abitato la zona: strato dopo strato ancora oggi ci raccontano una storia che non avrà mai fine.

Sassi di Matera

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche