Pentedattilo: la storia del borgo

Tutte le informazioni sul borgo calabrese di Pentedattilo e sulla sua storia.

Il borgo di Pentedattilo ha alle spalle una storia decisamente interessante. Si tratta di un paesino arroccato su una rupe calabrese.

Pentedattilo: storia e informazioni

Pentedattilo è un paesino calabrese che si trova in provincia di Reggio Calabria. Si tratta di una frazione del comune di Melito Porto Salvo.

Il nome del borgo è dovuto alla forma della rupe sulla quale si trova. La montagna ha infatti una conformazione che ricorda le cinque dita di una mano. Attualmente si distingue a malapena, a causa di alcuni fortissimi terremoti. L’altura viene tuttora chiamata ancora La Mano del Diavolo, nonostante i segni del tempo. Il borgo è disabitato da alcuni decenni. I suoi abitanti sono infatti stati costretti a lasciare le proprie case, trasferendosi in paesi poco distanti. Una folata di vita arriva però durante l’estate, durante i festeggiamenti legati al Paleariza. Si tratta di un festival culturale e musicale che si può definire etnico. Quel che resta delle cinque dita è visibile persino dalla Sicilia. Questo dona un particolare fascino alla località.

36498

Le vicende storiche

La storia del borgo è legata intensamente a fatti accaduti durante il 1686. In quell’epoca la Calabria era dominata dagli spagnoli. Pentedattilo era sotto il dominio dei Baroni Abenavoli, che furono costretti a ridimensionare il loro territorio. In quel momento il borgo passò in mano dei Marchesi Alberti. Tra le due famiglie c’era un’importante faida, acuita da alcune vicende personali. In una notte del 1686 il Barone Abenavoli si introdusse nella residenza degli Alberti e uccise quasi tutti i presenti. Non furono risparmiati neppure i bambini e le donne. La vicenda divenne nota col nome di Strage degli Alberti. I fatti che seguirono portarono all’esecuzione dei complici della strage. Il Barone riuscì invece a fuggire a Malta, dove trovò la sua fine. La tragica vicenda diede luogo alla formazione di diverse leggende a riguardo. Le narrazioni sulla questione sono tuttora note tra gli abitanti dei comuni del territorio di Melito.

866866069

La leggenda

La leggenda più diffusa fa riferimento alle cinque dita che costituiscono la forma della montagna. Dai tempi della strage degli Alberti le dita divennero quelle del povero Lorenzo Alberti. Un particolare cruento le vede coperte di sangue, per via del suo violento assassinio a opera del Barone Abenavoli. Un’altra leggenda diffusa nei paraggi del paesino vede come protagonisti degli spettri. Nel paese fantasma si sentirebbero, secondo la leggenda, delle grida strazianti. Naturalmente, anche questa leggenda fa direttamente riferimento alla strage. I proprietari delle voci sarebbero infatti i membri uccisi della famiglia degli Alberti.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Via della Costa ligure: le tappe che uniscono mete di pellegrinaggio

Posti sconosciuti da visitare in Veneto: tra storia e natura

Leggi anche
  • Zoom TorinoZoom Torino, il primo parco bioimmersivo d’Italia

    Alla scoperta del primo ed unico parco bioimmersivo d’Italia: zoom Torino

  • zocalo città del messicoZocalo, Città del Messico: storia e attrazioni

    Tutte le informazioni per conoscere Zocalo, da visitare a Città del Messico.

  • zanna biancaZanna Bianca, il film che ti porta in Canada

    Per celebrare l’uscita del film Zanna Bianca, Alidays e Geo Travel in collaborazione con Adler Entertainment hanno organizzato un concorso a premi.

  • YulefestYulefest
  • 
    Loading...
  • Yosemite National Park: l'effetto delle cascate di fuoco al tramontoYosemite National Park: l’effetto delle cascate di fuoco al tramonto

    Nel mese di Febbraio le cascate del Yosemite National Park, le Horsetail Fall, sembrano far cadere della lava. Gli esperti: “è un’illusione ottica”.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.