Perù, il viaggio tra le piantagioni di cacao

Viaggio alla scoperta delle più importanti piantagioni di cacao del Perù, tra tradizioni, colori e storia.

Le piantagioni di cacao rappresentano una delle eccellenze del Perù, ma anche una meta turistica molto ambita. Queste, infatti, uniscono la storia e la cultura peruviana alla bellezza della natura. Vediamo quali sono le tappe più importanti da non perdere in un viaggio nei sapori tipici del Perù.

Il Perù e le sue piantagioni di cacao

Visitare l’America meridionale significa immergersi nelle culture e nelle tradizioni più interessanti, come nel caso di un viaggio in Perù. Ricco di siti archeologici, il Perù è la destinazione ideale per chi ama esplorare antichi villaggi, immergersi nelle storie e nelle tradizioni, e per gli amanti della natura.

Il suo paesaggio è variegato, ma uno dei più famosi è costituito dalle piantagioni di cacao, che qui rappresentano una delle principali attività agricole.

Il cacao in Perù è la fonte di reddito di oltre 30mila famiglie. Infatti, il Perù è uno dei maggiori produttori al mondo.

La produzione del cacao si concentra parte bassa del versante orientale delle Ande, tra i 200 e i 900 metri sul livello del mare. Queste danno vita a paesaggi naturali splendidi, molto diversi da quelli che si possono ammirare in Italia o in molte parti del mondo. Per tale motivo sono diventate delle vere e proprie attrazioni turistiche.

Vediamo, quindi, quali sono le tappe da non perdere in un viaggio alla scoperta delle eccellenze peruviane.

cacao in Perù

Le tappe del viaggio

Per la produzione del cacao più famoso del mondo c’è bisogno di un lungo processo produttivo che comincia proprio dai campi. È qui, infatti, che gli agricoltori raccolgono i frutti dai quali si ricavano i chicchi di cacao che verranno poi trasformati nel prodotto finale.

La coltivazione del cacao peruviano si concentra nella foresta amazzonica, tra i 200 e i 900 metri di altitudine.

Uno dei luoghi più importanti per ammirare le piantagioni è la Valle di Quillabamba, vicino la città di Cusco, considerata la Valle Sacra degli Inca. Qui vengono organizzati tour del cacao di due circa due giorni alla scoperta di tutti i segreti del cacao.

Altre destinazioni imperdibili sono la valle del fiume Apurimac, e i dipartimenti di Ayacucho, Cusco, Junin, Piura, Huanuco, Amazonas e San Martin. Uno spettacolo stupefacente è, inoltre, il versante occidentale delle Ande.

In tutto sono circa 100mila gli ettari di terreno dedicati alla coltivazione del cacao in Perù, e sono in aumento grazie agli incentivi statali e internazionali a lavorare il cacao invece della coca.

Festa del cacao

Dal 2010 è nato uno splendido evento dedicato al cacao e alla cioccolata, il Salon del Cacao y Chocolate di Lima. Si tratta di una grande e importante fiera nazionale dedicata al cacao e ai suoi derivati. Non mancano, poi, workshop, seminari e gli imperdibili assaggi.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tutti i consigli per programmare un safari in Tanzania

Migliori enoteche di Palermo: idee per l’happy hour

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media