Piazza Nicola Amore di Napoli: la storia e le novità sulla metro

Arriva la metro nella storica piazza Nicola Amore di Napoli, il cuore della città.

Una delle piazze più importanti della città di Napoli è sicuramente la piazza Nicola Amore, anche nota come ‘e quatto palazze. Un luogo a cui i napoletani sono affezionati e che avrà nuova vita grazie alla nuova stazione della metro.

Piazza Nicola Amore di Napoli

Al centro di Corso Umberto I sorge la storica piazza dedicata al sindaco che amministrò la città nella fine dell’Ottocento.

Per i Napoletani è nota come la piazza ‘e quatto palazze poiché è cinta, dall’Ottocento, da quattro palazzi, posti in modo circolare. La piazza è situata in posizione centrale rispetto a piazza Giovanni Bovio e piazza Garibaldi, poste queste agli estremi del corso.

Un luogo di ritrovo storico per la città, a cui i cittadini sono legati e in cui ripongono grandi speranze per il futuro, e che darà un volto più innovativo a Napoli.

Advertisements

La piazza nasce con l’avvio dei lavori riguardanti il Risanamento, in un’area dove una volta vi era piazza della Sellaria o del Pendino. Qui erano presenti la fontana della Sellaria e la cinquecentesca fontana di Atlante, per la quale lavorò Giovanni da Nola.

Il toponimo originario era piazza Agostino Depretis, ma successivamente è stato attuato uno scambio di toponimi con la via Nicola Amore.

Negli ultimi anni novanta i cantieri della linea 1 della metropolitana si spostano dalle zone collinari nella parte bassa della città.

Infatti, da allora la piazza accoglie al centro il cantiere della futura stazione Duomo che prende il posto dell’aiuola.

Napoli

Il progetto della metro

La piazza napoletana ha visto per molti anni le transenne che delimitavano i lavori per la nuova fermata della metro.

Il progetto darà alla luce una struttura moderna, innovativa ed elegante che ospiterà la Stazione Duomo della Metropolitana 1.

La situazione, tuttavia, sta cambiando, e si avvicina il giorno dell’inaugurazione della fermata.

I lavori hanno subito rallentamenti a causa della pandemia dovuta al Covid-19, e sono slittate le date di apertura. Pian piano, la strada sarà quella che andrà verso il mare e non quella nella parte alta di Corso Umberto.

Si presume che la nuova stazione sarà aperta nel 2021.

Ma i lavori per la stazione hanno portato alla luce importanti ritrovamenti archeologici nel corso degli anni.

Ritrovamenti archeologici

Nella zona a ridosso del porto ha portato a importanti ritrovamenti archeologici. Infatti, l’area era attiva sin dall’epoca greco-romana sebbene appena fuori dalle antiche mura.

Tra i ritrovamenti più importanti avvenuti sotto la piazza si ricordano quello dei resti di un edificio rettangolare databile al IV e al III secolo a.C.. Inoltre, vi sono anche resti di un tempio di età imperiale, dedicato ai giochi Isolimpici, istituiti da Ottaviano Augusto nel 2 d.C. a Napoli. I due edifici facevano parte di un unico complesso, adibito all’esecuzione dei giochi. Sono stati individuati, presso un porticato, anche le epigrafi dei vincitori delle varie pratiche sportive eseguite nei giochi.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Firenze e Ravenna: le città più sostenibili secondo il Lonely Planet

Alberi giganti in America: quali sono e dove si trovano

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media