Notizie.it logo

Napoli cosa vedere di particolare: la nostra guida

Napoli cosa vedere di particolare: la nostra guida

Vedi Napoli e poi... Te ne innamori.

Vedi Napoli e poi muori“: classico detto con il quale si vuole enfatizzare la bellezza di una città che incanta turisti da tutto il mondo.
Qualsiasi sia il vostro interesse e il motivo che vi spinge a giungere in questa meravigliosa città, avrete modo di assaporarla in tutte le sue sfaccettature. L’arte non manca e si concretizza con un patrimonio artistico, culturale e storico dal valore inestimabile. Nel capoluogo della Campania avrete modo di lasciarvi affascinare da palazzi, monumenti, chiese e innumerevoli parchi, senza dimenticare che questa città è un vero e proprio museo a cielo aperto in grado di far innamorare tutti i suoi visitatori coinvolgendoli nella goliardica e affascinante ospitalità dei partenopei. Scopri cosa vedere a Napoli di particolare.

Napoli cosa vedere di particolare: i nostri consigli

La lista delle cose da vedere sarebbe davvero molto lunga, quindi va necessariamente calibrata in base al tempo a disposizione, cercando di incastrare alla perfezione le visite ai principali musei e ricavandosi del tempo per vivere veramente la città in tutto il suo folclore.

La vostra visita potrebbe partire da Castel Nuovo, comunemente noto con il nome di Maschio Angioino, eretto per simboleggiare il potere regale della famiglia d’Angiò.

La maestosa imponenza di questa struttura si rivela un ottimo punto panoramico che consentirà una splendida vista sulla baia, offrendo scorci indimenticabili di indiscutibile bellezza.

maschio angioino

Dopo aver dedicato tutto il tempo necessario alla visita di questa spettacolare struttura, nota anche come emblema della città, potreste ritagliarvi del tempo per passeggiare lungo la Galleria Umberto I, raggiungibile passando per la famosa Piazza del Plebiscito. La Galleria, realizzata tra il 1887 e il 1890, oggi è adibita a galleria commerciale ed è dotata di quattro ingressi.

Dalla Piazza del Plebiscito, scenario di manifestazioni e concerti memorabili, potrete notare il Teatro San Carlo e il Palazzo Reale.
Quest’ultimo, costruito nel 1600, fu realizzato in tempi molto celeri allo scopo di ospitare il Re Filippo III che aveva programmato una visita alla città partenopea. A tal proposito, la storia narra che la visita venne rimandata all’ultimo minuto e che la gran fretta per ultimare il palazzo non sarebbe stata così indispensabile! Il Teatro San Carlo è considerato uno dei più prestigiosi al mondo ed è stato la location prediletta delle esibizioni di moltissimi grandi della danza.

palazzo reale napoli

Gli appassionati di arte, ma anche i meno esperti, dovrebbero potersi ricavare qualche ora per visitare la Cappella di Sansevero, importantissimo museo nel quale viene conservata la scultura del Cristo Velato realizzata da Giuseppe Sanmartino. La scultura è famosa per essere stata realizzata partendo da un solo pezzo di marmo, da cui è stato perfettamente realizzato un velo trasparente che copre il volto di Gesù. Il soffitto della Cappella è uno splendido affresco del 1749 che oggi mantiene ancora colori vividi.

Una passeggiata in città

Se amate vivere appieno il clima della città che state visitando, il nostro consiglio è quello di dirigervi immediatamente verso il più popolare quartiere napoletano: Spaccanapoli. Si tratta di una strada che taglia in due il centro storico della città e che vi consentirà di scorgere l’innumerevole arcobaleno di colori che caratterizzano il capoluogo campano, rendendolo una delle città più colorate di tutta Europa. Qui avrete modo di visitare le tante botteghe di artigiani locali e magari aggiudicarvi quel souvenir particolare e realizzato con maestria, amore e passione.

Percorrendo questa strada avrete modo di osservare tanti dei monumenti storici che impreziosiscono Napoli.

Tra i tanti, un posto di privilegio va riservato al Monastero di Santa Chiara che si presenta nella sua imponenza come un perfetto esempio di stile gotico. Non potrete non osservare il meraviglioso chiostro delle Clarisse, impreziosito con raffinate maioliche che lo rendono un vero gioiello da ammirare senza fretta.

Infine non potete non lasciarvi tentare dalle tantissime prelibatezze gastronomiche di questa città. Manco a dirlo un posto di tutto rispetto va riservato alla pizza, ma non vanno dimenticate tantissime altre specialità locali che meritano di essere assaggiate: zuppa di cardone, fagioli e cozze, colatura di alici, sartù di riso, zucchine alla scapece, friarielli e la tradizionale minestra ammaretata.

chiostro delle clarisse

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300
Leggi anche