Ricetto di Candelo: cosa vedere nel borghetto medievale piemontese

Cosa vedere e cosa fare nel ricetto di Candelo, in Piemonte, la splendida architettura di epoca medievale.

Le antiche strutture medievali e i pittoreschi borghi conservano quel fascino immortale che suscita ogni volta una grande meraviglia, come nel caso del ricetto di Candelo, in Piemonte, ma cosa c’è da vedere? Scopriamo tutte le meraviglie nascoste nella struttura fortificata nella provincia di Biella.

Ricetto di Candelo: cosa vedere nel borgo medievale

Dall’epoca medievale, il Piemonte ha ereditato alcuni dei borghi più belli d’Italia, come nel caso del ricetto di Candelo.

Si tratta di un’architettura medievale, uno degli esempi di strutture urbane tipiche dell’epoca meglio conservate e caratteristiche della regione.

La struttura fortificata, a differenza dei tipici borghetti che costellano lo stivale, non è mai stato destinato ad essere abitato stabilmente, e oggi è una importante destinazione turistica.

Un tempo, invece, era considerato come una sorta di “magazzino”, protetto da possenti mura e alte torri cilindriche. Qui si raccoglievano vini, formaggi e altre provviste.

Da qui, inoltre, si gode di una vista panoramica spettacolare delle Prealpi biellesi e del Boraggione.

Il ricetto è composto da ben duecento edifici, anche detti cellule, ed è attraversato da strade chiamate rue

Ricetto di Candelo, cosa vedere: gli ecomusei

All’interno del ricetto ci sono manufatti architettonici, cantine vitivinicole, ma anche luoghi storici tutti da esplorare passeggiando per le antiche rue del borghetto.

Oggi è un borgo molto attivo, in cui vengono organizzati tour con guide esperte ed eventi tematici sempre molto interessanti e divertenti.

Imperdibile, però, è il tour del sistema museale diel ricetto, suddiviso in cellule ecomuseali.

L’Ecomuseo candelese è un laboratorio tecnico-scientifico di testimonianze storiche e biodiversità e ancora oggi custodisce il patrimonio storico-naturale di Candelo.

Nella prima cellula ecomuseale sono custoditi gli antichi attrezzi e metodi di vinificazione, ricostruzione museale di una cantina al Ricetto. La seconda, invece, è dedicata alla didattica e illustrazione della cultura del vino. Il terzo, infine, si concentra sulla civiltà della vitivinicoltura.

Ricetto di Candelo, cosa vedere: vigneti ed itinerari

Oltre ai percorsi tra gli ecomusei, sono anche previsti degli interessanti itinerari che permettono ai visitatori di esplorare le bellezze e la storia del territorio.

Gli itinerari tematici si concentrano sulla storia, sulla cultura ma anche sulla natura che caratterizza la zona.

Lungo i percorsi si incontrano antiche strutture che si innalzano lungo le rue, come la Torre del Principe ed il Palazzo del Principe.

Le cellule, inoltre, non essendo adibite ad abitazione, sono utilizzate dai proprietari come attività enogastronomiche e laboratori creativi di artigianato. Vi sono anche botteghe d’arte, fra cui quella della pittrice su seta tedesca ma naturalizzata italiana Annelie Weischer.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vacanze estate 2021 in Italia: le migliori destinazioni di mare

Vacanze low cost 2021: le destinazioni più economiche

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media