Notizie.it logo

Weekend romantico: le migliori località in Puglia e Campania

weekend romantico

Weekend romantico in Puglia e Campania. Cosa fare e cosa poter visitare durante un weekend romantico in due delle regioni più belle di tutto il Sud Italia

Puglia e Campania sono due delle regioni più affascinanti del Sud Italia, isole escluse. Stupende dal punto di vista storico – ambientale, perfette per un weekend romantico di coppia. Sono diverse le possibili attrazioni. La Puglia è la regione più pianeggiante del Paese, con presenza di aree collinari. La montagna è praticamente assente se non nelle parti più interne della regione al confine con Campania e Basilicata. E’ pertanto il mare a farla da padrone. In Campania invece si hanno maggiori possibilità, anche se la costiera tirrenica è ricca di paesaggi mozzafiato, isole comprese.

Per scegliere una breve vacanza col partner, consigliamo di visitare booking.com per le migliori offerte in Puglia e Calabria
Booking.com

Weekend romantico in Puglia

La Puglia è una meta principalmente estiva. Ed in particolare le località costiere, ma non mancano anche alcuni posti nell’entroterra. La Puglia è una regione che si suddivide a sua volta in altre piccole aree. Dal Salento alle Murge, passando dal Gargano ed il Tavoliere delle Puglie, senza dimenticare gli arcipelaghi della parte settentrionale.

Cinque aree che meritano di essere visitate e che risultano perfette per passare un weekend romantico. Abbiamo detto che si tratta di una regione prettamente estiva, ma nel periodo invernale non è rara la presenza di neve che rende tutto l’ambiente decisamente magico.

Partiamo dall’ultimo punto citato precedentemente, le isole. L’arcipelago più famoso è sicuramente quello delle Tremiti. Situate tra la Puglia ed il Molise, le Tremiti sono composte da sei isole. In questo posto sembra quasi che il tempo si sia davvero fermato. Un piccolo angolo di paradiso che racchiude secoli e secoli di storia, sopratutto greca. Le isole non sono di grossa dimensione e per girarle non ci vuole molto tempo. Il panorama che si presenta da ogni parte la si guardi è davvero mozzafiato. La costa, le spiagge, il mare, ma anche i piccoli centri abitati dicono la loro. In particolare il centro storico dell’Isola di San Nicola con in primis l’Abbazia di Santa Maria dell’undicesimo secolo.

Diversi sono poi i sentieri naturalistici dai quali si possono trovare delle piccole calette per momenti di intimità, con in fronte il mare completamente colorato di blu.

Il Salento è la zona situata all’estremità dell’Italia intera. Una “sottoregione” fondata sullo sfondo del mare, degna di essere visitata ogni giorno dell’anno. Paesaggi spettacolari, ma anche tanta tradizione culturale e storica. Ne è un esempio la città di Lecce, il fulcro dello stile Barocco che domina l’intero Salento. Lecce, una città tutta da scoprire tra piazze, chiese ed anfiteatri romani. A seguire due delle più belle cittadine dell’intera Puglia ed anche d’Italia. Gallipoli da una parte, Polignano a Mare dall’altra. Partendo da quest’ultima, parliamo di una vera e propria ex fortezza. Un centro abitato che nel corso degli anni ha visto la presenza di più dinasti. Dagli arabi ai bizantini, passando per i normanni. Tutte popolazioni che hanno lasciato il loro segno.

Bellezze in paese, bellezze sotto il paese. Ci riferiamo alle tantissime grotte nella scogliera che possono essere raggiunte a nuoto.

Gallipoli ha un significato che parla da solo : la città bella. Si tratta di una cittadina che sorge su un’isola di origine calcarea, collegata al resto della terraferma a un ponte ad archi. Come Polignano a Mare, Gallipoli è una vecchia fortezza circondata da mura e torri. Gallipoli è il centro della movida del Sud Italia adriatico.

Da sud verso nord, passiamo direttamente al Gargano. Un’area caratterizzata da due colori : bianco e blu. Il bianco è quello della roccia, come la città di Ostuni completamente bianca. Il blu è quello del mare. Meglio di così per un weekend romantico è davvero difficile trovare altro. Ed ancora Peschici, Rodi e Vieste. Altri tre centri abitati dove il romanticismo regna. Infine il mare. Si può proprio dire che l’Adriatico splende da queste parti. Per gli amanti della natura, degno di nota è il Parco Nazionale del Gargano, ovviamente area protetta.

Chiudiamo con la Valle d’Itria.

Una depressione carsica situata a cavallo tra le province di Bari e Taranto. E’ la zona dei famosi trulli. In particolare dell’abitato di Alberobello, famoso proprio per i trulli. Questi non sono altro che case in pietra con la forma di cono. Alberobello per queste caratteristiche abitazioni è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Weekend in Campania

Dall’Adriatico al Mar Tirreno. Sono “solamente” centocinquanta i chilometri che dividono le due coste, ma quasi tre ore di viaggio. E da costa a costa c’è un cambiamento sostanziale. Si passa dalle immense spiagge, ad un’alternanza di scogliera e sabbia.

La Campania è un mix di bellezze naturali e testimonianze storiche. Sole, mare, storia, archeologia ed anche cibo. Ci sta tutto in un weekend romantico. Una delle regioni più belle d’Italia, anche la Campania regala emozioni in tutti i giorni dell’anno. Citando la Campania, si pensa immediatamente alla costiera amalfitana. Positano, Amalfi e Rovello.

Tre località famose in tutta Europa ed in tutto il Mondo. Sono davvero tantissimi i turisti che ogni anno, ed in particolare tra maggio ed ottobre, frequentano questo angolo di paradiso. Positano sopratutto, una delle mete più romantiche di tutto il pianeta. Questa cittadina risplende per la particolare diffusione delle abitazioni sulla scogliera, con vie di dimensioni davvero piccole ed un’infinità di scalinate per collegare la spiaggia alla cima della scogliera.

Con qualche decina di minuti di navigazione si raggiungono le vicine ed affascinanti isole campane. Capri ed Ischia su tutte. La prima decisamente più famosa per le coppie. A caratterizzarla, oltre al paesaggio in mezzo al mare, i famosi faraglioni con la Grotta Azzurra. Suggestivo il panorama serale del faro di Capri. Ischia, altra meta internazionale, caratterizzata dai suoi villaggi di pescatori. Così come l’isola di Procida.

Finchè non la visiti, non potrai apprezzarne le qualità. Così si potrebbe definire la città di Napoli. Metropoli, ma allo stesso tempo cuore pulsante dell’Italia per la passione dei propri cittadini. I monumenti storici come chiese e palazzi sono significativi, ma vista da un’altra prospettiva, con il Vesuvio a dominare lo stupendo golfo, rende molto di più. Tutti i giorni dell’anno, con il sole e la pioggia, in primavera ed in autunno, periodo del cambio di colore della vegetazione. Napoli è una perla da scoprire camminando sul Lungomare oppure effettuando delle escursioni in kayak o in barca. In prossimità del capoluogo campano è presente la Riserva Marina Protetta della Gaiola, oltre alla Baia delle Rocce Verdi.

Un week end può anche essere passato a visitare la storia dell’Italia. E’ il caso degli appassionati di storia ed archeologia che troveranno sicuramente interessanti le rovine di Pompei ed Ercolano. Due dei siti archeologici più famosi al mondo e cittadine distrutte dalla violenza della natura con l’eruzione del Vesuvio.

Meravigliosa come poche è la Reggia di Caserta, residenza reale più grande al mondo. Fu realizzata nel 1774 per volere di Carlo di Borbone, re di Napoli. E’ una costruzione che aveva come scopo quello di paragonarsi alla Reggia di Versailles. La Reggia di Caserta è stata dichiarata Bene Protetto dell’Unesco. Per raggiungerla è in funzione il Reggia Express, un treno storico con carrozze in legno messo a disposizione da Trenitalia. Da Napoli a Caserta il viaggio trascorre per le campagne campane. Da sottolineare che questa possibilità c’è solamente una volta al mese con viaggio di andata e ritorno.

Infine passiamo direttamente nell’entroterra campano. Ci spostiamo in Irpinia, un’area collinare e montuosa. C’è chi ama un week end con il sapore marino e chi invece preferisce passare due – tre giorni in un tranquillo agriturismo. Magari disperso in mezzo ai boschi od alle colline dell’Italia meridionale. L’Irpinia regala tanto verde nella stagione calda, ma anche paesaggi imbiancati tra dicembre e marzo. Meritevole di visita è il borgo di Nusco, considerato il Balcone dell’Irpinia. Un nome azzeccato se si considera che è possibile ammirare gran parte della subregione.

© Riproduzione riservata
Leggi anche