Come organizzare un viaggio alle Maldive: consigli utili

Organizzare un viaggio alle Maldive non è difficile, quindi non è per forza necessario affidarsi a compagnie: ecco alcuni consigli utili su come farlo.

Le Maldive: un luogo paradisiaco dove rifugiarsi e assaporare un po’ di natura selvaggia e incontaminata, per prendersi un periodo di detox dall’inquinamento delle grandi metropoli.

Come organizzare un viaggio alle Maldive

Organizzare un viaggio alle Maldive non è troppo difficile, quindi non è per forza necessario affidarsi a compagnie, ma seguendo un buon piano è possibile farlo da soli.

Questo articolo vi darà una mano, segnando i punti fondamentali da seguire per organizzare un viaggio senza intoppi!

Scegliere il periodo giusto

In primis è bene scegliere con cura il periodo in cui andare in questo posto meraviglioso, considerando specialmente il clima e l’alta stagione.

La stagione secca è la migliore per organizzare il vostro viaggio, perchè in questo modo eviterete le piogge, che possono essere anche molto forti in quelle zone.

La stagione secca sarebbe ufficialmente da metà dicembre a metà aprile, tuttavia il periodo migliore e che vi consigliamo per prenotare è fra metà febbraio e metà aprile: a dicembre e gennaio infatti possono esserci ancora dei passaggi nuvolosi poco gradevoli.

Tuttavia i mesi della stagione secca, sono ovviamente anche quelli di alta stagione, quindi i prezzi probabilmente saranno anche più elevati. Se volete risparmiare qualcosa potreste anche considerare i mesi di bassa stagione, durante la stagione delle piogge, rischiando: se prenotate per un viaggio di due settimane avrete più probabilità di non trovare solamente pioggia, ma anche giornate di sole, in molti fanno così.

Documenti necessari

Il documento necessario da avere è il passaporto, quindi se non lo avete già è bene prendere appuntamento per farlo, anche qualche mese prima, così da essere sicuri di averlo disponibile per la partenza.

Una volta arrivati sul posti vi consegneranno un visto turistico gratuito della durata massima di 30 giorni.

Ovviamente non dimenticatevi gli altri documenti come carta d’identità, tessera sanitaria per qualsiasi evenienza e carte di credito!

Spostamenti interni

Oltre che il volo dall’Italia alle Maldive, bisogna considerare e prenotare gli spostamenti interni, che spesso non sono troppo economici.

Ci sono diverse modalità tra cui poter scegliere:

  • Il Ferry Locale (Dhoni), che è la soluzione più economica, ma anche quella più lenta
  • Motoscafi

  • Idrovolante
  • Aereo

La valuta

Anche se la valuta locale è la rufia, i dollari sono accettati ovunque, per lo più nei villaggi turistici.

Se invece dovete acquistare qualcosa nei piccoli paesini locali allora vi conviene prelevare una piccola somma di rufie in aeroporto, così da poter comprare più facilmente.

Scritto da Federica Maldari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa vedere in Val di Mello in un giorno: l’itinerario

Le foreste più grandi del mondo: quali sono?

Leggi anche
Contentsads.com