Notizie.it logo

Come visitare colonne d’Ercole Stretto di Gibilterra

Come visitare colonne d’Ercole Stretto di Gibilterra

Le Colonne d’Ercole era la frase che è stato applicato in antichità ai promontori che fiancheggiano l’ingresso dello Stretto di Gibilterra. Il pilastro a nord è la Rocca di Gibilterra (ora parte del territorio britannico d’oltremare di Gibilterra). Un corrispondente picco del Nord Africa nonpredominante, l’identità del pilastro sud è stata contestata nel corso della storia, con i due candidati più probabili essere Monte Hacho di Ceuta e Jebel Musa in Marocco. Durante il soggiorno, più o meno lungo a seconda delle vostre esigenze, vi consigliamo di visitare in particolare i seguenti luoghi:
il Castello Moresco, una testimonianza dell’occupazione moresca dell’area, che durò molte centinaia di anni. Nelle vicinanze sorge oggi un’ampia zona residenziale, chiamata Moorish Castle Estate;
la Rocca di Gibilterra, un promontorio risalente al Giurassico, quando ci fu una collisione tra le cosiddette placche euroasiatica e africana che trasformò il Mediterraneo in un mare chiuso;
la Chiesa di Sant’Andrea, luogo di culto dei protestanti facente parte della Chiesa di Scozia.

Fu inaugurata nel 1854. Fu edificata a beneficio dei militari scozzesi che all’epoca si trovavano nella zona.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche