Cosa fare a Quito: idee fantastiche e convenienti

Cosa vedere a Quito: consigli e idee per destinazioni imperdibili durante un viaggio in Ecuador.

Quito, la capitale dell’Ecuador, si trova sulle colline andine ad un’altitudine di 2850 metri, la più alta di tutte le capitali. Quito è costruita su un’antica città Inca. La città è nota per il suo centro coloniale ben conservato, ricco di chiese del 16° e 17° secolo e di edifici che mescolano architettura europea, moresca e indigena.

Quito è il primo sito del patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO. Gli ampi panorami della città ne fanno una destinazione da non perdere in Ecuador.

Cosa fare a Quito: Giro della città

La prima cosa che facciamo di solito quando visitiamo una nuova città è trovare un tour che ti dia una buona panoramica della città e dei siti. A volte sono gli autobus a due piani o se la città è piccola, uno dei tour a piedi più personali.

Cosa fare a Quito: la Vergine alata

Si trova in cima a una collina di origine vulcanica alta 200 metri. La statua della Vergine Maria è composta da 7.000 pezzi di alluminio ed è una replica della Vergine Maria alata della Iglesia y Monasterio de San Francisco in Plaza San Francisco. Una volta entrati nel monumento, c’è un mini-museo e una stretta scala che sale per tre piani. Ogni piano ha un display storico informativo.

La vista della Quito coloniale è spettacolare.

Cosa fare a Quito: la Funivia

Per gli amanti del brivido e dell’avventura, c’è la funivia di Quito, il Teleférico, che ti porta fino alla base del vulcano Pichincha, 4053m o 13.300 piedi. Il viaggio di 2,5 chilometri dura circa 20 minuti. Quando la cabina lascia la piattaforma della stazione, emergono viste mozzafiato di Quito. Una volta che la funivia raggiunge la sua destinazione, c’è un sentiero dove si può fare trekking in uno dei picchi del vulcano Pichincha.

Ricordatevi di portare una giacca e una crema solare se avete intenzione di camminare per un certo periodo di tempo, poiché faceva piuttosto freddo e c’era vento una volta arrivati al centro visitatori.

Cosa fare a Quito: la passeggiata a La Ronda

Un posto perfetto per godersi la vivace cultura di Quito è stata una passeggiata per La Ronda Street nel centro di Quito. Di notte, la strada si riempie di gente. Non è molto evidente durante il giorno, ma di notte la strada è piena di una grande varietà di bar e ristoranti da esplorare.

Cosa fare a Quito: Museo e casa Guayasamin

Il Museo Guayasamin è l’ex casa dell’artista più famoso dell’Ecuador, Oswaldo Guayasamin. Rattristato dal fatto che la maggior parte del suo lavoro risiedeva fuori dall’Ecuador, Guayasamin decise di fondare un’organizzazione no-profit: la Fundación Guayasamin. Lasciò la sua vasta collezione, la sua casa e molti pezzi della sua opera alla città di Quito per essere usata come museo alla sua morte. Nato nel 1919, Guayasamin è morto nel 1999. Guayasamin ha raccolto più di 4500 pezzi precolombiani, arte religiosa e coloniale nella sua collezione privata che sono esposti in tutta la casa.

Oswaldo era un nativo ecuadoriano, di discendenza maya, indiana quechua e spagnola. Guayasamin è principalmente conosciuto per l’intensa emozione e il potere espresso nelle sue opere d’arte. Guayasamin viaggiò attraverso gran parte dell’America Latina e fu testimone di povertà e oppressione. Ossessionato da ciò che ha visto, la sua arte espressionista riflette il dolore e la miseria che molte persone hanno sopportato. L’arte di Guayasamin ha lo scopo di esporre la crudeltà dell’umanità, ma sperava anche di trasmettere l’amore per il genere umano che risiede in tutti. La casa è ampia. Il suo studio d’arte è rimasto com’era quando Oswaldo è morto nel 1999. E il terreno esterno è altrettanto impressionante quanto l’interno.

Scritto da Redazione Viaggiamo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

6 cose da fare a Cusco in Perù: il meglio del meglio

Basilica di Quito, la storia della chiesa ecuadorena

Leggi anche
Contents.media