Duomo di Modena: facciata e architettura

Tutte le informazioni sul Duomo di Modena e sui dettagli che riguardano la sua famosa facciata.

Il Duomo di Modena è uno degli edifici più importanti della città e presenta una maestosa facciata, ricca di dettagli interessanti da conoscere.

Duomo di Modena: facciata

Il Duomo è una delle principali attrattive della città di Modena. Si tratta di un edificio antichissimo, la cui costruzione iniziò nel 1099 a opera di Lanfranco e Wilielmo.

La struttura fu invece completata durante l’anno 1184. In seguito, la chiesa subì numerose modifiche nel tempo, a partire dal XIV secolo. Il rosone della facciata è uno degli elementi aggiunti in data successiva rispetto alla costruzione dell’edificio. La meravigliosa facciata è caratterizzata dalla presenza di tre portali. In particolare, quello centrale è dotato di un protiro a due piani. La struttura dei portali è quella che durante il periodo dello stile romanico si utilizzava in tutto il territorio dell’Italia settentrionale.

Advertisements

Il portale è opera di Wilielmo, come la maggior parte delle magnifiche sculture che riempiono di preziosi dettagli la magnifica facciata del duomo. Le due colonne del protiro sono tra i dettagli più belli da ammirare. Alla base si possono vedere due magnifici leoni scolpiti in pietra, che risalgono al I secolo d.C.

duomo modena

Architettura del Duomo

Il magnifico Duomo di Modena è stato costruito seguendo i canoni dello stile architettonico romanico. Al suo interno sono presenti tre ampie navate, mentre all’esterno si può notare un raffinato loggiato, con tripli archetti a tutto sesto. Dentro la maestosa chiesa si trova di nuovo il medesimo motivo architettonico, attraverso la presenza delle splendide trifore. Il rosone della facciata e i due portali laterali costituiscono meravigliose opere dei Maestri Campionesi.

Si tratta di grandi artisti della costruzione, che dopo Lanfranco arricchirono la struttura originaria con molti particolari. L’effetto finale è capace di suscitare un impatto di grande portata su chi ammira la chiesa. L’atmosfera suggestiva del Duomo è infatti accentuata dalla sua dimensione e alla ricchezza dei dettagli che presenta.

Curiosità

Ci sono alcune curiosità interessanti che riguardano la splendida costruzione. Una delle più note è la presenza di un’importante necropoli romana al di sotto del Duomo.

Si tratta di un sito scoperto da Lanfranco durante l’edificazione della chiesa. Alcuni dettagli inseriti nella struttura furono presi proprio dalla necropoli. Ne costituiscono degli esempi i leoni in pietra che incorniciano il portale centrale. Anche un’altra curiosità è legata ai reperti ritrovati sotto il terreno della costruzione. Si tratta di un ipotetico osso di drago, che attualmente si trova esposto al di sopra della Porta Regia. Durante l’epoca medievale il ritrovamento fece scalpore. In seguito si scoprì che l’osso apparteneva a una balena.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Funivia Piani d’Erna: informazioni e prezzi

Mercato di Dolac, Zagabria: consigli di viaggio

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media