Notizie.it logo

Follina, il borgo amato da Robbie Williams: cosa vedere

Follina

Follina è un comune di Treviso, grande centro turistico e culturale. Scopriamo cosa vedere nel borgo amato da Robbie Williams!

Follina è un comune di circa 4000 abitanti nella provincia di Treviso in Veneto. È grande circa 24,16 chilometri quadrati e comprende le frazioni di Farrò, Pedeguarda e Valmareno. È sede di diverse attività sia industriali sia artigiani oltre che centro turistico e culturale. Scopriamo cosa vedere nel borgo amato da Robbie Williams!

Follina

Follina è uno dei borghi più belli d’Italia che attirano non solo moltissimi turisti ma, anche, grandi star internazionali. Il famoso cantante Robbie Williams si è fatto affascinare dal piccolo borgo e dalle sue piccole strade. La star, come ha dichiarato più volte, ama il nostro paese e questa volta ha deciso di trascorre due notti nello storico hotel del paese: Villa Abbazia.

Come spesso capita in questi casi la star ha prenotato l’intera struttura evitando che la sua breve pausa dai riflettori diventasse un momento solamente per firmare autografi. Non è però, passato inosservato perché al suo seguito aveva circa trenta persone: guardie del corpo, massaggiatori, staff medico, fisioterapisti e vari amici.

Il motivo della visita in Italia? Lavoro! Il cantante infatti ha tenuto uno show privato per i dipendenti dell’azienda Luxottica.

Come arrivare a Follina

Dall’autostrada Venezia-Belluno si deve prendere l’uscita Vittorio Veneto nord in direzione Valdobbiadene.

Cosa vedere nel borgo veneto

Follina è il luogo ideale per un momento di tranquillità perché non è particolarmente conosciuto, ideale per chi ha voglia di rilassarsi, pieno di bellezze naturali e non ci sono grandi masse di turisti.

Un borgo che vive di storia costellato da antichi edifici e vecchie costruzioni.

Le radici del borgo sono ben conosciute e risalgano all’epoca preistorica. Pensate che alcuni reperti risalgono a 120 mila anni fa altri invece sono stati identificati come risalenti all’epoca romana e alla Strada Augusta.

I luoghi da visitare sono tanti partendo dall’Abbazia di Santa Maria realizzata dai monaci Cistercensi nel XII secolo. La struttura è sopravvissuta nei secoli e ha un importante valore storico oltre che essere un capolavoro architettonico costruito interamente a croce latina. I monaci introdussero l’arte laniera nel borgo fin dal 1860 e portarono il borgo a realizzare tessiture pregiate, imitano prodotti di altre nazioni come Olanda e Inghilterra.

Palazzo Barberis, si trovo esattamente sotto l’Abbazia. Si tratta di un’elegante struttura in cui, al suo interno, venivano realizzati i prodotti di lana dalle donne del paese. Il Lanificio Andreatta risale circa al 1820, fu convertito prima in collegio e successivamente in polo culturale.

Poco più giù del paese si trova Castelletto Brandolini, una villa veneta del 600 appartenente alla famiglia Arrivabene Gonzaga.

La villa è ricca di stucchi, decorazioni, opere d’arte ma, sfortunatamente non è visitabile all’interno. È visitabile invece, la Chiesetta dei Santi Pietro e Paolo: ha le dimensioni di una piccola cappella e si trova in un complesso di tipo architettonico.

Cosa vedere vicino a Follina

Il borgo è veramente piccolo per questo vi suggeriamo alcuni posti vicini da poter visitare.

CASTELBRANDO: il castello è arriccato sul promontorio Valmareno e attorniato dalle colline trevigiane ed è uno degli esempi di riqualificazione del patrimonio artistico e storico italiano. È uno dei castelli più grandi d’Europa. È immerso in cinquanta ettari di parco ed è un borgo medievale inserito nel paesaggio della Via del Prosecco tra Conegliano, Valdobbiadene e Vittorio Veneto. Con una funicolare panoramica potrete raggiungere il centro del castello e immergervi nella vallata che vi circonda.

Castelbrando

MOLINETTO DELLA CRODA: nei secoli ha incantato migliaia di turisti e ispirato altrettanti artisti con l’aurea magica che lo circonda. L’edificio fu costruito a più riprese ed è una architettura rurale che risale al XVII secolo. Potete visitare l’interno del mulino che presenta spesso mostre che vengono periodicamente rinnovate oppure potete prendere uno dei sentieri che vi porteranno a esplorare la valle.

Se siete con dei bambini potete fermarvi al Parco Archeologico Didattico del Levelet. Il parco si compone di diverse aeree come il villaggio palafitticolo ricostruito, una struttura per le attività didattiche, laboratori di archeologia, attività di birdwatching, un parco gioco con area pic-nic e una zona per il barbecue.

Vi trovate nella terra di uno dei vini più venduti al mondo, perché, quindi non prendervi una giornata per percorre la Strada del Prosecco?! La nuova strada del Prosecco è stata costituita nel 2003, dopo che la prima era stata inaugurata nel 1966.

Solo alcuni tratti sono stati ripresi della vecchia strada mentre, ne sono stati aggiunti altri per rispettare i percorsi tematici in grado di valorizzare il territorio di Conegliano e Valdobbiadene. I 120 chilometri della lunga strada percorrono grande zone coltivate a vigna, piccoli paesi e borghi incontaminati e grandi aziende vitivinicole in cui potete fermarvi per una breve degustazione di questo prezioso vino.

© Riproduzione riservata
Leggi anche