Giro dei Laghi Gemelli da Carona: tutte le informazioni

Tutte le informazioni che servono per fare il giro dei Laghi Gemelli da Carona.

Fare il giro dei Laghi Gemelli da Carona permette di trascorrere una piacevole giornata all’insegna del benessere e del relax. Si tratta di un’occasione splendida per godersi al meglio il contatto con la natura la bellezza del territorio lacustre.

Giro dei Laghi Gemelli da Carona

La Lombardia è ricca di splendidi paesaggi naturali da visitare nel corso di una giornata all’insegna del relax e del contatto con la natura. Uno dei luoghi più belli da vedere è il territorio in cui si trovano i Laghi Gemelli. Si tratta di bacini d’acqua limpidi e cristallini che sorgono all’interno del comune di Branzi, in alta val Brembana. Questa area della provincia di Bergamo è una delle più interessanti da visitare nel corso di una gita fuori porta in Lombardia.

Advertisements

I laghi sono circondati da imponenti montagne, che rendono il paesaggio magnifico da vedere. Inoltre, si tratta di un luogo in cui è possibile passeggiare godendosi l’aria pura della montagna in mezzo alla vegetazione. Fare un giro intorno ai laghi è un’occasione ideale per trascorrere una splendida giornata all’aria aperta. Uno dei percorsi più interessanti da fare è quello che parte da Carona e consente di ammirare a fondo l’incredibile bellezza di questa area lacustre lombarda.

laghi gemelli

Il percorso panoramico

Una delle escursioni più interessanti da fare nel contesto della val Brembana è quella che parte dal bellissimo lago di Carona. Per partire è necessario recarsi sulla sponda sinistra del limpido specchio d’acqua e imboccare il segnavia 211 CAI.

Si tratta di un sentiero che permette di raggiungere il rifugio Laghi Gemelli, passando per i luoghi in cui si trovano il Lago Marcio e il Lago delle Cesare. Dopo aver percorso il tragitto che conduce presso i Laghi Gemelli, si attraversa l’omonima diga. In questo modo è possibile arrivare presso il Lago Colombo e scendere verso il Lago Becco.

L’arrivo

Dopo aver percorso il sentiero che passa al di sotto dello sbarramento della diga, si prende la strada che va verso destra e si imbocca il sentiero 213 CAI.

Lungo il cammino si possono ammirare suggestivi strapiombi e si ha persino l’occasione di attraversare buie gallerie sotterranee. Il percorso conduce nei pressi del Rifugio Calvi e diventa sempre più semplice da percorrere. Dopo il rifugio, si raggiunge facilmente il bellissimo Lago Sardegnana. A questo punto si attraversa una stradina tortuosa che offre la possibilità di ammirare l’incantevole paesaggio naturale del territorio lacustre. Questa strada conduce fino alla località di Porta di Carona, dalla quale si ritorna al punto di partenza.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Alberi giganti in America: quali sono e dove si trovano

Sport invernali: sempre più appassionati acquistano sci online

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media