Grenada: spiagge, cosa vedere

Dalle caratteristiche stradine di St. George’s alla sabbia bianca della Grand Anse. Grenada è una delle isole più belle dei Caraibi, è sicura ed è possibile soggiornarvi a prezzi non eccessivamente alti. Sull’isola si producono un ottimo rum ed una delle migliori qualità al mondo di cacao.

Il piccolo stato di Grenada, situato nel Mar dei Caraibi, è conosciuto soprattutto per l’invasione statunitense del 1983. Il presidente americano di allora, Ronald Regan, inviò i marines sull’isola per rovesciare il comunista Bernard Coard, salito al potere con un colpo di stato. Ma nonostante quei tragici eventi, l’isola di Grenada è una destinazione sicura e dove non vi sono particolari problemi di criminalità. Non vi sarà difficile, dunque, trovare quella rilassatezza necessaria a godervi a pieno le sue splendide spiagge e le pittoresche cittadine coloniali.

Advertisements

Grenada è stata prima una colonia francese e quindi una colonia britannica.

St. George’s

Anche se siete venuti a Granada per i colori del suo mare, non potrete fare a meno di trascorrere una parte del vostro tempo nella splendida St. George’s. La cittadina, che è la capitale dello stato caraibico, offre una serie di graziosi edifici dai tetti rossi, un dedalo di stradine pittoresche e belle vedute sulla costa dell’isola.

I migliori panorami sono quelli che si possono ammirare dal Fort George’s, costruito dai francesi all’inizio del Settecento. Merita una visita anche l’altro forte della città, Fort Frederick, che fu fatto costruire dagli inglesi. Per degustare un rum locale dovete andare in una delle distillerie che si trovano in città, ma il rum non è l’unico prodotto d’eccellenza di Grenada. Sull’isola si produce una delle migliori qualità di cacao di tutto il mondo.

Rivolgetevi ad un’agenzia per visitare le piantagioni che si trovano fuori città. La più famosa è la Belmont Estate, che è situata a circa un’ora di auto da St. George’s.

Grand Anse

La maggior parte dei turisti si dirige verso i resort della Grand Anse, che è la zona più turistica di tutta Grenada. Lungo la Grand Anse ci sono numerosi alberghi di fascia alta, ma con un po’ di pazienza riusciranno a trovare una sistemazione anche coloro che hanno a disposizione un budget di spesa limitato.

La baia è costeggiata da una lunga striscia di sabbia bianca che si affaccia su un mare turchese e limpidissimo. La spiaggia è puntellata di palme e alle sue spalle ci sono una serie di colline verdissime. La Grand Anse, tuttavia, è spesso affollata: se siete in cerca di tranquillità farete bene ad andare altrove.

Altre spiagge

Con una breve passeggiata potrete arrivare alla Mourne Rouge, che vi sorprenderà per la sua atmosfera rilassata. Un’altra alternativa, ma più lontana, è la cosiddetta Bathway Beach, che vanta una splendida laguna e sabbia di origine corallina. La Bathway Beach si trova sulla punta nord-orientale dell’isola. Se avete a disposizione un discreto numero di giorni di vacanza, potreste invece decidere di visitare le isole che si trovano intorno a Grenada. Una delle più suggestive è Petit Martinique, che è stata soltanto sfiorata dal turismo. I servizi di Petit Martinique sono essenziali.

Scritto da Redazione Viaggiamo
Categorie Asia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Spring break, cos’è: informazioni e idee

Maui dove si trova, informazioni sull’isola

Leggi anche
  • xian torre a tamburoXi’an: cosa vedere nella città dell’Esercito di terracotta
  • CambogiaViaggio in Cambogia, le tappe imperdibili

    La Cambogia è famosa principalmente per la vastissima zona archeologica dei grandi templi millenari. Un breve elenco dei più affascinanti.

  • varanasiVaranasi, cosa fare nella città indiana

    Cosa vedere a Varanasi, l’importante città dell’India intesa come uno dei più grandi centri religiosi induisti? Conosciamola meglio.

  • varanasiVaranasi, come visitarla e le migliori cose da vedere

    Scopri la bellezza di Varanasi, una citta che ha il fascino unico dei luoghi sacri.

  • 
    Loading...
  • Vaccinazioni richieste MongoliaVaccinazioni richieste per Mongolia
Contents.media