Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Isola di Dino: dove si trova e come visitarla

isola di dino

L'Isola di Dino è una meta molto apprezzata nella costa di Praia a Mare, tra grotte e acque cristalline.

La Calabria offre una lunga serie di bellezze che si possono visitare nell’arco della bella stagione. D’altronde questa è una delle regioni italiane che ospita il maggior numero di turisti vacanzieri durante il periodo estivo. L’isola di Dino è una delle isole più belle e suggestive che si possano ammirare.
Se state pensando di partire per l’isola di Dino, consigliamo di consultare expedia per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a booking

Dove si trova l’Isola di Dino

L’isola di Dino è localizzata nella costa di Praia a Mare, una delle località balneari più celebri della Calabria. Qui si può ammirare un’isola immersa nel verde e che ha dimensioni anche alquanto elevate.

Il nome di questa isola non è certo casuale: esso deriva dal termine greco “dina“, ovvero “tempesta“. Si capisce dunque che questo appellativo è legato alle onde forti che si formano nel momento in cui il mare è in tempesta e al rumore sordo che producono. Questa isola appartiene dunque al comune di Praia a Mare, nella provincia di Cosenza, e dista pochi chilometri dalla costa della cittadina calabrese.

La storia di questa isola è strettamente connessa con quella della famiglia Agnelli. Infatti nel corso degli scorsi decenni furono proprio loro a voler acquistare quest’isola che anticamente era un punto cruciale per avvistare l’arrivo di eventuali nemici. In particolare la famiglia torinese aveva intenzione di creare un resort di lusso con un investimento di oltre 50 milioni di lire.

Purtroppo il progetto, che molto intrigava già all’epoca, è oggi solo un ricordo di cui si possono ammirare tracce come alcuni trulli, una strada che collega il pontile alla zona più alta e qualche locale abbandonato.

Come raggiungere l’isola di Dino

Ciò che incuriosisce maggiormente coloro che trascorrono le proprie vacanze nel territorio calabrese, non può che essere una visita all’Isola di Dino. La soluzione più sicura è quella di scegliere delle apposite barche che permettono di raggiungere il pontile, visibile fin dalla costa di Praia a Mare. Optare per altri punti di attracco potrebbe rivelarsi molto rischioso dato che ci sono dei punti in cui la scogliera diventa molto scoscesa.

I più coraggiosi potrebbero anche optare per una bella nuotata partendo dalla zona costiera di Praia più vicina: ovviamente questa soluzione è consigliata soprattutto a coloro che hanno un buon allenamento. Questo perché pur non trattandosi di un percorso assai impervio è sempre bene farlo in totale sicurezza.

Indubbiamente la natura domina in questa isola assai suggestiva dove la traccia umana è letteralmente ridotta al minimo. Senza dimenticare le spettacolari grotte che si trovano nei paraggi: da qui si può ammirare un colore cristallino dell’acqua che sembrerà un quadro. Così come assieme ad una guida sarà possibile scoprire la stele dedicata alla Madonna che si trova nell’estrema punta occidentale dell’isola.

Grotte dell’isola di Dino

Soprattutto durante la stagione estiva si può notare una buona folla che si dirige verso la bellissima Isola di Dino. Non è certo un caso se si tiene conto dell’elevato numero di grotte bellissime che si possono visitare. La Grotta Azzurra è quella più celebre e che senza dubbio è la tappa fissa per coloro che trascorrono una vacanza lungo la Riviera dei Cedri. Al suo interno infatti si può notare come l’acqua crei un’atmosfera magica grazie al suo colore cristallino che si riflette anche sulle rocce.

Sembrerà di vivere una favola vera e propria.

Grotta delle Cascate, altro posto assai suggestivo e che regala una vista mozzafiato grazie ai movimenti particolari dell’acqua che danno proprio l’effetto di una cascata. Nei pressi dell’isola di Dino vi è anche la Grotta del Monaco che è la prima che nella maggior parte dei tour si incontra. Essa ha delle pareti verde smeraldo assai particolari da vedere. Stesso dicasi per la Grotta delle Sardine, così chiamata in quanto si può notare ad occhio nudo e senza immergersi l’elevata presenza di pesci.

Un’altra delle mete più ambite per coloro i quali vogliono scoprire la bellezza delle grotte dell’isola di Dino è la Grotta del Leone che deve il suo nome ad una roccia che ha la forma dell’animale. C’è tanto da vedere e soprattutto vale la pena godersi questo spettacolo incontaminato della natura.

© Riproduzione riservata
Leggi anche