Cinque motivi per visitare la Sicilia in primavera

La Sicilia, grazie alle sue attrazioni, è una meta apprezzabile anche in primavera. Quali sono le ragioni di ciò

E’ quasi arrivata la primavera, almeno su carta e la voglia di stare all’aria aperta, al sole, di temperature tiepide e profumi, di ammirare i colori e la natura che si svegliano si fanno più vivi che mai. Una terra che non delude mai, non solo a primavera ma tutto l’anno, è sicuramente la Sicilia.

Quali possono essere, dunque, cinque motivi validi per visitarla in questa stagione così fiorita?

Cibo

Una grande attrazione della Sicilia è il cibo. Molte sono le specialità culinarie della regione. Partiamo dalla colazione. Per affrontare una impegnativa giornata di escursioni in Sicilia è d’obbligo fare una colazione abbondante e che ci sia le energie giuste. La nostra proposta è la famosa granita con brioche. E’ differente da ciò l’ideale collettivo pensa della granita, in Sicilia infatti è presa proprio come prima colazione.

I gusti possono essere svariati ma il cult è certamente la mandorla. Viene servita con la panna e una brioche appena sfornata. Come merenda di metà pomeriggio possiamo gustare il cannolo siciliano fatto con un ripieno di ricotta e cioccolato adornato con scorze di arancia e pistacchi sgusciati.

Sicilia

Per pranzo e cena possiamo scegliere tra molti piatti di mare e insalate. Ricordiamo i principali piatti della tradizione siciliana. Pasta alla norma, sono maccheroni con pomodoro, basilico, ricotta di pecora e melanzane fritte. Caponata di melanzane, è assolutamente da assagiare se si va in sicilia. E’ un piatto il cui protagonista sono le melanzane arricchite da sedano, olive, capperi e cipolla. Pasta con il pesto alla trapanese, è un piatto principalmente estivo a base di basilico, olio, mandorle, aglio e pomodori. Infine vi citiamo il pane cunzatu. Il concetto è quello della bruschetta ed è solitamente utilizzato come antipasto. Si suole strofinare sul pane il pomodoro con l’aglio e condirlo con acciughe, olio e pomodoro.

Mare

Non si può andare in Sicilia e non vedere lo splendore che offre il suo mare. A seconda della regione dell’isola in cui si va ci sono spiagge che fanno invidia a quelle dei Caraibi. Le zone in cui il mare dà il meglio di sé sono rappresentate dalla citta di Cefalù, San Vito lo Capo e Favignana. Quest’ultima è un posto paradisiaco in cui c’è una delle spiagge più bella di tutta l’isola, Cala Rossa.

sicilia


cshow

Sole

Il sole è certamente una costante che in Sicilia non manca mai. Sull’isola ci sono temperature miti o addirittura estive per quasi tutto l’anno. In genere nel mese di Marzo e Aprile la media della temperatura è di 20/22 gradi all’ombra. Sicuramente il costume da bagno è da portare con sé in valigia. I locali di solito in queste stagioni iniziano a fare i primi bagni nel mare anche se l’acqua può risultare un pochino fredda. Se volete essere certi di fare il bagno a primavera allora andate a Lampedusa che sebbene sia nelle acque africane mantiene il tocco che distingue la Sicilia. Qui la temperatura dell’acqua si aggira tra i 18 e i 19 gradi.

Cultura

La Sicilia è in grado di soddisfare anche la voglia di cultura. moltissimi sono i luoghi ricchi di storia sparsi per tutta l’isola. Un posto da visitare sicuramente sono le rovine del teatro antico di Taormina. La sua vista è davvero incantevole sia per il peso storico che si porta dietro che per la vista mozzafiato che si ha sul mare. Un’altra tappa obbligata è la Valle dei Templi di Agrigento. Essa è testimone del passaggio dei greci in Sicilia. La sua importanza è riconosciuta in tutto il mondo. Città in cui si deve fare una gita è Messina. Essa è famosa per essere un centro vivace e dinamico in cui si possono assaggiare tutte le specialità sicule e ammirare allo stesso momento l’Etna.

sicilia

Natura

La sicilia tuttavia non è solo mare, sole e cibo. La sicilia è anche natura selvaggia e brulla ma affascinante allo stesso momento. Come non poter citare l’imponente vulcano dell’Etna che campeggia sull’isola. Molte anche le risorse naturali che si distinguono in boschive, montane e naturali. per montane si intendono tutte quelle che si ammirano a quote più elevate, in pratica dove il paesaggio perde i suoi connotati mediterranei. Da visitare è la riserva di Cavagrande in cui il protagonista è un canyon di roccia bianca dalla lunghezza di oltre 10 km all’interno del quale scorre un fiume. Anche la riserve del Vendicari è molto suggestiva. Ha un’estensione di 15000 ettari ed è posta nell’estremità sud dell’isola.

Gita ad Agrigento

Per chi ha qualche giorno a disposizione, un itinerario fuori dai classici schemi è la zona di Agrigento, definita da Pindaro la città più bella dei Mortali, e casa di importanti scrittori quali Pirandello, Sciascia e Camilleri.

Una volta giunti ad Agrigento (aeroporti e porti di Catania, Palermo e Trapani), potete immediatamente vedere il mare Africano, come amano definirlo gli agrigentini davanti ai vostri occhi.

Gli amanti dei dolci non possono perdersi il gelato al pistacchio e pecorino ed il cannolo siciliano della pasticceria. Per chi preferisce il salato, un salto da Pio X non può mancare: arancine, miscate, mignolate, sfincioni, calzone fritto, e la squisita tabisca (pizza allungata cotta al forno) – ideali da mangiare su una delle tantissime spiagge agrigentine od in barca – faranno gola a chiunque.

Spiagge di Agrigento

Le spiagge dell’ampio litorale sono attrezzate nel centro di San Leone – lido di Agrigento – selvagge e circondate da splendide dune di sabbia dorata al di fuori del centro abitato: a sud di San Leone si trovano le spiagge di Cannatello e le due incantevoli riserve naturali di Zingarello e di Punta Bianca. A nord di San Leone, si incontrano le spiagge di Maddalusa, ampia e selvaggia, Punta Grande, Punta Piccola e la famosissima Scala dei Turchi. Falesia di marna bianca sulla quale è possibile prendere il sole, fare passeggiate o tuffarsi in mare. Le Pergole, piccole calette di sabbia circondate da suggestive coste rocciose a picco sul mare. Giallonardo, ampia spiaggia sulla quale le tartarughe Caretta Caretta vanno a nidificare, la Riserva Naturale Orientata di Torre Salsa, ampia area naturale protetta in gestione al WWF.

Tramonto e cultura

Da non perdere i i tramonti da queste spiagge, irripetibili e diversi ogni sera! I posti migliori per vedere un tramonto che sicuramente vi rimarrà nel cuore sono OceanoMare e la Scala dei Turchi a Realmonte. Non si può andare via da Agrigento senza aver visitato il suo centro storico, ricco di cultura e storia: un susseguirsi di stradine in salita e discesa che racchiudono chiese e conventi più o meno nascosti, come la Cattedrale di San Gerardo o la Chiesa ed il Monastero di Santo Spirito, la Basilica di San Nicola e la Chiesa di Santa Maria dei Greci, il teatro Pirandello e la casa di Pirandello (Piazzale Caos).

Sicilia

Scendendo verso il mare ci si ritrova magicamente all’interno dell’inimitabile Valle dei Templi, Patrimonio dell’Unesco, che lascerà sicuramente chiunque stupefatto: le colonne di Ercole, il Tempio della Concordia ed il Tempio di Giunone rimarranno impressi a lungo. Consigliatissima al tramonto, sia per una questione di temperature che per una questione di colori, a dir poco unici. Il tempio di Castore e Polluce vi accoglierà all’ingresso del giardino della Kolimbetra, in gestione alla FAI, magnifico giardino dove si può anche raccogliere frutta fresca e mangiarla al momento.

La Sicilia vi aspetta!

Booking.com

Scritto da Redazione Viaggiamo

Lascia un commento

Le migliori spiagge della Birmania (Myanmar)

Come visitare la Costiera amalfitana in camper

Leggi anche
Contentsads.com