Namibia: qual è il periodo migliore per visitarla?

Una terra ricca di paesaggi mozzafiato e una cultura da scoprire: questa è la Namibia. Scopriamo insieme qual è il periodo migliore per visitarla.

I tramonti che incendiano i cieli, animali spettacolari che vivono in libertà, una cultura ricca di tradizione e vita, paesaggi naturali che fanno innamorare: questa è la splendida Namibia, nel cuore del Sudafrica.

Namibia: qual è il periodo migliore per visitarla?

L’Africa, essendo una nazione molto estesa, è caratterizzata da fasce climatiche differenti, a seconda della zona in cui ci si trova: in generale possiamo dire che il clima africano è di tipo equatoriale, con estati molto calde e umide, e desertico, con caldo torrido e secco.

Se avete in mente di immergervi in un viaggio emozionante, alla scoperta della Namibia, è molto importante tenere in considerazione il periodo migliore in cui prenotare.

Ecco alcuni consigli utili!

Da aprile a novembre

La Namibia presenta per lo più un clima di tipo desertico. E’ coperta da un terriccio che sfuma dal color rosso, al rosa, all’arancione e all’oro, con distese rocciose, dune sabbiose e panorami lunari e aridi direttamente affacciati alla costa occidentale sul mare.

Se avete sempre sognato di fare un safari elettrizzante e fotografare la flora e la fauna del luogo, i mesi perfetti sono quelli che vanno da aprile a novembre, che coincidono con la stagione invernale africana.

Infatti in questo periodo il clima diventa secco, con temperature tollerabili, persino gradevoli: pochissima pioggia, temperature di 24 / 28 gradi e poco turismo, rendono l’esperienza ancora più unica e piacevole.

Inoltre, se siete amanti della storia, questo è anche il periodo migliore per ammirare i suggestivi graffiti e le pitture rupestri sulle rocce della Valle di Twyfelfontein, risalenti all’età della pietra, percorrendo le orme degli antichi boscimani che nel passato hanno popolato queste terre. I punti di interesse più frequentati dai turisti in questo periodo sono i parchi nazionali Etosha, Namib, Mudumu e il Fish River Canyon.

Da marzo a dicembre

In questi mesi invece, le temperature raggiungono picchi davvero alti e in più le piogge sono molto frequenti e violente.

Per questo motivo molto spesso i mesi da marzo a dicembre vengono scartati per visitare la Namibia: le piogge fanno si che gli animali si rifugino e quindi durante i safari sarà molto difficile avvistarli e apprezzare le emozioni che questo tour avventuroso regala.

Scritto da Federica Maldari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bar nascosti a Roma: i locali segreti della Capitale

Le location del cult americano “Forrest Gump”

Leggi anche
Contentsads.com