Notizie.it logo

Pasqua 2020 a Firenze: cosa fare e vedere in città

Pasqua 2020 a Firenze

Pasqua 2020 a Firenze: luoghi d'interesse ed eventi per il ponte di Pasqua.

Durante il ponte di Pasqua sono tantissime le famiglie che scelgono di visitare posti nuovi, approfittando delle feste. Vediamo, quindi, quali sono gli eventi da non perdere a Firenze per la Pasqua 2020.

Pasqua 2020 a Firenze

La Pasqua quest’anno cadrà il 12 aprile, a primavera inoltrata. Perciò è il momento perfetto per visitare posti nuovi godendo del sole e delle temperature che ricominciano ad alzarsi.

Una delle destinazioni che vi consigliamo è la splendida città d’arte toscana, Firenze.

Sono tantissimi, infatti, i modi di trascorrere il giorno di Pasqua in questa meravigliosa città. Ecco quali.

Weekend a Firenze cosa vedere

Mostre e musei

Durante il ponte di Pasqua, alcuni dei musei e delle mostre più importanti di Firenze rimarranno aperti al pubblico.

Da non perdere:

  • Museo Zaffirelli
  • Galleria dell’Accademia: Esibizione permanente
  • Museo Ferragamo
  • Galleria degli Uffizi

Tuttavia, in quei giorni potrebbe esserci un’affluenza maggiore, quindi vi consigliamo, dove possibile, di acquistare i biglietti in anticipo, compresi i salta coda.

Eventi

Il ponte di Pasqua è ricco di eventi da non perdere, adatti a tutte le età.

Per lo più, gli eventi si concentrano nel Venerdì Santo. Ecco quali sono:

  • TuscanyHALL: Kally’s Mashup (10 aprile 2020)
  • Auditorium Flog: Ghemon (10 aprile 2020)
  • Teatro di Rifredi: Shakespearology (10 aprile 2020)
  • Teatro Verdi: ORT – Alexander Lonquich (10 aprile 2020)

Scoppio del carro

Ma non è tutto. Infatti, la Pasqua è molto sentita nel capoluogo toscano.

Ogni anno l’appuntamento più atteso dai fiorentini e dai turisti è lo Scoppio del Carro.

Si tratta di una tradizione che ha avuto origine oltre 300 anni fa e che vede come protagonista della cerimonia il “Brindellone”.

Parliamo di un carro alto 9 metri che viene trainato dai buoi dal suo deposito in via Il Prato fino a Piazza Duomo.

Intorno alle ore 11, durante la messa, l’Arcivescovo di Firenze accende e fa partire dall’altare la “Colombina”. Si tratta di un razzo a forma di colomba che simboleggia lo Spirito Santo.

Questo, correndo lungo un filo, raggiunge il Brindellone e lo incendia, accendendo i fuochi d’artificio montati su di esso.

Il carro infuocato è uno spettacolo che lascia a bocca aperta i turisti, ma anche gli stessi fiorentini, che attendono di veder ritornare la Colombina all’altare Maggiore.

Secondo la tradizione, infatti, se la Colombina torna all’altare l’anno sarà positivo, poiché un tempo era auspicio di buon raccolto nei campi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche