Notizie.it logo

Tarifa, cosa vedere e fare

tarifa

Tarifa è l'ultima fermata in Spagna prima del Marocco, ed è anche un assaggio di cose a venire: scopriamo le sue meraviglie naturali.

Tarifa si trova nel sud della Spagna, dove si incontrano il Mediterraneo e l’Atlantico. Questa particolare ubicazione conferisce a Tarifa un clima e un carattere diverso al resto dell’Andalusia. I rigidi venti atlantici attirano surfisti, windsurfisti e kitesurf. Soprattutto nel mese di agosto, Tarifa diventa bellissima e viene valorizzata al massimo. Per questo è il luogo ideale nel quale divertirsi.

Tarifa

Tarifa potrebbe essere vecchia come la fenicia Cadice e sicuramente era un insediamento romano. Prende il nome da Tarif ibn Malik, che guidò una incursione musulmana nel 710 d.C., l’anno prima della principale invasione islamica della penisola.

Tarifa si trova nel punto più a sud dell’Europa continentale, dove il Mediterraneo incontra l’Atlantico. Solo 14 km attraverso lo Stretto di Gibilterra nel suo punto più stretto, la città gode di una vista spettacolare sulle montagne del Rif del Nord Africa, proprio di fronte all’acqua. Ma Tarifa è molto di più della piccola cittadina medievale di pescatori. Di cosa parliamo? Di dieci chilometri di spiagge di sabbia bianca, della campagna incontaminata del Parco Naturale El Estrecho, e alcune delle migliori condizioni di kite e windsurf in Europa hanno stabilito Tarifa come un vero paradiso per i surfisti.

La costa è popolare tra gli amanti della natura come con la sua famigerata folla di surf e tra birdwatching, equitazione, kite-surf, wind-surf, whale-watching, arrampicata su roccia e immersioni subacquee ci sono molti modi per interagire con la bellissima campagna ondulata o le acque blu.

Tarifa cosa vedere

Una delle cose più belle da vedere a Tarifa è Castillo de Guzmán.

Costruito nel 960 per ordine del califfo di Cordoban Abd ar-Rahman III, Castillo de Guzman è una vera e propria fortezza. Restaurata in tempi recenti, prende il nome dall’eroe Reconquista Guzmán El Bueno. Sopra l’ingresso interno, si può notare l’iscrizione del castello del X secolo. È possibile arrampicarsi sui bastioni del castello e, nella chiesa in pianura, ammirare i resti di mura di epoca romana rinvenute nel 2010. Il castello ha orari di apertura estesi e organizza visite guidate durante i mesi estivi.

Playa de Valdevaqueros è una delle spiagge più amate e apprezzate dai turisti. Si tratta di una delle tappe indispensabili per un viaggio qui. Situata tra 7 km e 10 km a nord-ovest di Tarifa, fino alla grande duna bianca di Punta Paloma, Valdevaqueros è una delle spiagge di kitesurf più famose di Tarifa, benedetta da polverosa sabbia color alabastro e acqua cristallina.

Tarifa cosa fare

Uno dei motivi principali per cui si visita Tarifa sono le spiagge.

Punta Paloma è una delle più famose. Definita da molti come una delle più favolose spiagge dell’Andalusia, Punta Paloma, 10 km a nord-ovest di Tarifa, è famosa per la sua enorme duna di sabbia bionda. Alla sua estremità occidentale, puoi farti un bagno di fango naturale. Playa Chica è un’altra spiaggia davvero imperdibile. Situata sull’istmo che porta a Isla de las Palomas, all’estremità meridionale della città di Tarifa, la minuscola Playa Chica è più riparata rispetto alle altre spiagge locali.

Il kitesurf è la ragione per cui Tarifa non è più solo un villaggio di pescatori. Circa trenta anni fa i surfisti vennero e la conquistarono e oggi la Batalla del Salado, la principale strada commerciale di Tarifa, è fiancheggiata da empori e negozi di abbigliamento da surf.

I campionati si svolgono qui ma i principianti sono i benvenuti: ci sono un numero enorme di scuole di kite che possono allenarti e dovresti aspettarti che ci voglia un paio di giorni prima di uscire in acqua da solo.

La natura a Tarifa

Lo Stretto di Gibilterra pullula di delfini (comuni, bottlenose e rigati), balene (pinna, pilota, sperma e killer) e la maggior parte delle aziende che offrono escursioni, ad esempio Firmm, sono così sicure degli avvistamenti che ti porteranno fuori di nuovo gratis se non vedi nulla.

La piena estate è il momento di vedere le orche e l’inizio dell’estate per i capodogli – le altre specie possono essere viste tutto l’anno. I prezzi partono da circa € 30 per adulto e un po’ meno per i bambini.

Le rovine romane sono abbondantemente rifornite in tutta la Spagna, il più noto è probabilmente l’acquedotto di Segovia ma da nessuna parte sulla penisola è stata conservata un’intera città romana come a Baelo Claudia in Bolonia, circa 14 km fuori città nella direzione di Cadice e a malapena segnalato dalla strada principale.

© Riproduzione riservata
Leggi anche