Val Trompia turismo: cosa fare nella provincia di Brescia

Il turismo nella Val Trompia, una delle valli principali della provincia di Brescia, in Lombardia.

La Val Tropia, anche nota come La via del Ferro, è una delle valli più affascinanti della provincia di Brescia, e tra turismo e cultura fiorisce ogni anno di più. Un luogo speciale in cui immergersi per una gita fuori porta alla ricerca di un momento di serenità.

Val Trompia turismo

La Val Trompia, interamente percorsa dal fiume Mella per un totale di circa 50 chilometri, prende il nome dai Trumplini, un’antica popolazione retica. Oggi rappresenta una delle tre valli più importanti della provincia di Brescia e si trova all’interno delle Prealpi Bresciane.

Tra le vette più importanti della valle troviamo il monte Colombine a 2.216 metri, il monte crestoso a 2215 metri, il Dosso Alto a 2.065 metri, il monte Muffetto a 2.060 metri ed il Corna Blacca a 2.004 metri.

Advertisements

Tuttavia, una delle vette più famose è il monte Guglielmo, a 1.957 metri, che è possibile osservare molto bene anche dalla Franciacorta, da Brescia e da buona parte della pianura bresciana sino alla provincia di Cremona.

Molti sono i luoghi da visitare nella Val Trompia e le attrazioni da non perdere durante una gita fuori porta. Inoltre, la val Trompia rappresenta la zona ideale per intraprendere delle splendide escursioni nella natura.

Val Trompia

Il museo archeologico “O.r.M.A.”

Tra i luoghi più interessanti da visitare troviamo il museo archeologico “O.r.M.A.” insieme alla Torre Medievale. Questi si trovano nel comune di Pezzaze, in Piazza Mondaro.

Anticamente, con il termine Broletto si intendeva l’area recintata dove si solevano svolgere le assemblee cittadine e l’amministrazione della giustizia. In seguito il termine venne usato per indicare genericamente il palazzo municipale. Ancora oggi è possibile ammirare il Broletto di Pezzaze, insieme ad un complesso quattrocentesco formato da una Torre quadrangolare. Pare, inoltre, che le origini della torre risalgano intorno al 1200.

Ad oggi la Torre, posta proprio di fronte alla Chiesa della frazione di Mondaro, ha un’altezza di soli 15 metri con uno spessore di 1,60 metri.

Il Forno di Tavernole

Tra i musei più interessanti da visitare troviamo anche “Il Forno di Tavernole”, uno dei più insigni monumenti di archeologia industriale, attivo fin dal XV secolo. L’antico monumento racconta la storia della siderurgia ed è uno tra i meglio conservati in tutta l’Europa.

In più, proprio in Valle Trompia Leonardo da Vinci compie due viaggi, uno verso la fine del Quattrocento e l’altro nei primissimi anni del Cinquecento. Questi due viaggi hanno l’evidente intento di conoscere processi di produzione e possibili innovazioni praticati dai maestri del ferro.

Il museo “Il forno di Tavernole”, di Tavernole sul Mella, è aperto tutte le domeniche e festivi dalle ore 15 alle ore 18 ad eccezione del 1 gennaio, 1 novembre e 25 dicembre, Il sito è visitabile, oltre agli orari di apertura, anche tutti i giorni su prenotazione con percorsi guidati per scuole e gruppi.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Selciato del Gigante, Irlanda del Nord: storia, leggende e curiosità

Greenway del Lago di Como in bici: tutte le informazioni utili

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media