Valle del Serchio: trekking, attrazioni e raccolta di funghi

Trekking e raccolta dei funghi nella Valle del Serchio, la splendida vallata nella provincia di Lucca.

La Valle del Serchio è il luogo ideale per intraprendere splendidi percorsi trekking nella provincia di Lucca, ma non solo. Qui è anche possibile andare alla raccolta dei funghi e immergersi nello splendido panorama naturale della valle. Vediamo, quindi, quali sono i luoghi da vedere, le curiosità e le informazioni da conoscere.

Valle del Serchio: trekking

La media valle del Serchio, anche nota come Mediavalle, è un distretto della provincia di Lucca. Il suo territorio è compreso tra la città di Lucca a sud, la Garfagnana a nord e dalla Montagna Pistoiese ad est, che si estende lungo il bacino idrografico del fiume Serchio, compresa tra l’Appennino Tosco-Emiliano e le Alpi Apuane. La sua altitudine media varia tra i 52 e i 1964 metri sopra il livello del mare.

Advertisements

All’interno dell’area si possono intraprendere splendidi sentieri escursionistici suggestivi.

Tra i percorsi più belli troviamo quello che da Ponte Moriano arriva a Bagni di Lucca che si inotra tra i dolci boschi e splendidi borghi storici.

Un altro percorso molto suggestivo è quello della Valle di Lima e Orrido di Botri, segnato dalla presenza dell’acqua che risale dalla terra delle sorgenti termali. L’acqua scava la montagna in mulinelli e canyon, che scorre nei fiumi scavalcata da ponti di ogni epoca e fattura.

Vi è, poi, l’escursione tra i borghi dell’Appennino, da Ponte a Gaio a Ponte di Campia. Da un ponte su un torrente fragoroso ad un altro su un fiume placido. Nel mezzo tanti piccoli borghi di origine antica, teatro di guerre e battaglie di cui ancora conservano le scene. Qui si incontrano castelli, rocche, fortificazioni e torri isolate.

Serchio

Cosa vedere

Tanti sono i luoghi incredibili da esplorare nella Valle del Serchio. Tra i più suggestivi, imperdibile è il Ponte della Maddalena o “del Diavolo”. L’antico ponte attraversa il fiume Serchio all’altezza di Borgo a mozzano. Un ponte famoso per la leggenda popolare legata all’intervento del diavolo per la sua creazione. Si tratta di un’opera d’ingegneria medievale, risalente al XIV secolo.

Splendide sono, poi, le Terme di Bagni di Lucca.

Il centro termale è costituito da due grotte a vapore naturale, la grotta Grande e la Grotta Paolina, dal nome della sorella di Napoleone, assidua frequentatrice di queste terme.

Siti storici suggestivi sono, poi, la Fortezza delle Verrucole a San Romano in Garfagnana, la Rocca Ariostesca e la Fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo Garfagnana, la Rocca di Castiglione Garfagnana e la Rocca di Camporgiano.

Raccolta dei funghi

Nella valle del Serchio è anche consentito raccogliere i funghi e andare alla ricerca di gustosi bottini. Infatti, seguendo le normative vigenti nella regione, si possono raccogliere degli ottimi porcini da portare a casa per preparare delle deliziose pietanze.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Castelli aperti a Strassoldo 2020: storia e informazioni

Sanya Beauty Crown Hotel: lusso e foresta in Cina

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.