Visitare i luoghi della Tosca a Roma

La Tosca di Puccini è un componimento in tre atti, ispirato all’omonimo dramma di Victorien Sardou.

Nel dettaglio, il primo atto ha come sfondo la basilica di S.Andrea della Valle.

La chiesa si trova in piazza Vidoni, nel rione Sant’Eustachio e probabilmente prende il nome dal Palazzo della Valle, che sorge lì accanto.

La costruzione viene iniziata a fine Cinquecento dagli architetti Della Porta, Grimaldi eMaderno, ma la facciata gotica fu aggiunta in seguito, nella seconda metà del 1600.
Al suo interno non ovviamente non si trova la Cappella Attavanti, elemento di finzione, ma sembra che Puccini si sia ispirato alla Cappella Barberini, una delle tre cappelle nella basilica.

Il secondo atto è invece ambientato a Palazzo Farnese.

Palazzo Farnese, di proprietà dello Stato Italiano, è concesso dal 1936 all’Ambasciata di Francia.

La sua costruzione fu iniziata nel 1514 e vi lavorarono in fasi diverse tre architetti: Antonio Sangallo, Michelangelo e Giacomo Della Porta.
Nell’Otto-Novecento era considerato una delle quattro meraviglie di Roma, un criterio che classificava i più bei palazzi della città, e il suo nomignolo era “il dado” per la forma quadrata dell’edificio.
Al suo interno è possibile ammirare gli affreschi de “Camera del Cardinale”,
la “sala dei Fasti Farnesiani” e la “Galleria”, quest’ultima ad opera di AnnibaleCarracci e attualmente in fase di restauro.

Infine, il terzo atto è ambientato a Castel S. Angelo.

Castel Sant’Angelo è un edificio che risale alla Roma imperiale: la sua costruzione fu iniziata sotto l‘imperatore Adriano nel 125 a.C. che lo voleva come mausoleo funebre.
Nel corso della storia la sua funzione si è più volte trasformata: a partire dal V secolo divenne una fortezza oltre il Tevere a difesa di Roma, dalla prima metà del X secolo fu utilizzato anche come prigione, funzione che conserverà fino al 1901, e sempre nello stesso secolo, papa Niccolò III decise di trasferirvi parte della sede apostolica perché ritenuto molto sicuro.

Nei secoli successivi furono costruite al suo interno le stanze papali, mentre all’esterno fu dotato ulteriori fortificazioni, soprattutto sotto il papato di Alessandro VI, tanto che nel 1527 il castello resistette al Sacco di Roma dei Lanzichenecchi.
Nell’Ottocento venne utilizzato come carcere politico, ma dai primi del Novecento è diventato un museo, funzione che conserva ancora oggi.

Scritto da Silvia Antona
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I vantaggi della Amsterdam card

Quanto costa giro in battello ad Amsterdam

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.