Volo aereo in ritardo? Ecco come richiedere il rimborso

Le piste degli aeroporti sono continuamente in fermento, con gli aerei in fila che aspettano a motori accesi la partenza del velivolo di fronte a loro. Le compagnie aeree coprono migliaia di tratte ogni anno e quasi sempre i voli partono in orario.

Le piste degli aeroporti sono continuamente in fermento, con gli aerei in fila che aspettano a motori accesi la partenza del velivolo di fronte a loro. Le compagnie aeree coprono migliaia di tratte ogni anno e quasi sempre i voli partono in orario.

Talvolta capita che ci sia un piccolo ritardo di mezz’ora o di un’ora, niente di preoccupante. Ci sono poi però dei casi in cui il ritardo accumulato inizia a diventare importante e, in queste situazioni, i progetti di viaggio dei passeggeri vengono messi seriamente a rischio.

Alcuni ritardi sono talmente considerevoli da stravolgere completamente il viaggio di un passeggero o, peggio, da rendere inutile il suo proseguimento. Se si verifica una circostanza di questo genere la rabbia è immensa, ma per fortuna è possibile chiedere il rimborso per volo in ritardo e/o un risarcimento che varia dai 250 ai 600 euro.

Quella del ritardo aereo è un’eventualità in cui tutti sperano di non incappare, finché non rimani seduto in aeroporto oltre 3 ore pregando che il tuo volo parta. È esattamente ciò che è capitato a me e che mi ha spinto a contattare i legali di Vacanza Rovinata per volo in ritardo. Mi hanno spiegato quali sono i miei diritti in base alla normativa comunitaria e mi hanno aiutato a ottenere il risarcimento che mi spettava senza dover pagare di tasca mia la loro parcella.

Quali sono i tuoi diritti in caso di volo in ritardo

Il ritardo aereo è una condizione estremamente variegata perché le ore di attesa sono variabili. Inoltre, incide anche il luogo in cui ci si trova, l’aeroporto verso il quale si è diretti e la nazionalità della compagnia aerea. I viaggi all’interno dell’Unione Europea sono particolarmente tutelati poiché la normativa riconosce molti diritti ai passeggeri che vivono un ritardo aereo:

  • Dopo le prime 2 ore la compagnia ha l’obbligo di dare assistenza ai passeggeri con cibo, bevande e accesso alle comunicazioni;
  • Dalle 3 alle 4 ore di ritardo i passeggeri hanno diritto a un risarcimento che varia dai 250 ai 600 euro in base alla lunghezza della tratta che avrebbero dovuto percorrere, compensazione pecuniaria che non ha nulla a che vedere con il prezzo pagato per l’acquisto del biglietto aereo;
  • I passeggeri hanno diritto al trasporto da/per l’aeroporto e all’alloggio se il volo alternativo trovato dalla compagnia aerea ha luogo il giorno seguente;
  • Dopo 5 ore di ritardo i passeggeri hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto;
  • Se la compagnia non fornisce assistenza, i viaggiatori hanno diritto anche al rimborso delle spese extra di prima necessità sostenute durante l’attesa.

A monte dovrebbe essere la compagnia a informare i viaggiatori dei diritti di cui godono, in particolar modo il diritto all’assistenza.

Quali sono i tuoi diritti in caso di volo internazionale in ritardo

Chiedere un rimborso per volo in ritardo su una tratta internazionale è più difficile perché queste ultime sottostanno alla Convenzione di Montreal, contenente le norme relative al trasporto aereo internazionale e firmata da 130 Paesi. Anche in questo caso il disservizio viene tutelato, ma in forma diversa rispetto alle tratte europee. La Convenzione tutela il ritardo solo come danno economico e non anche come danno psicologico, diversamente dalla normativa europea.

Inoltre, i diritti dei passeggeri variano da Paese a Paese. Negli Stati Uniti, ad esempio, è la compagnia aerea a decidere se risarcire o meno le persone che hanno vissuto un ritardo aereo e questo, ovviamente, rende più complesso ricevere giustizia per il danno subito.

Cosa dice la normativa europea CE 261 per i voli in ritardo

La legge europea in tema di ritardi, cancellazioni e negati imbarchi per overbooking è il Regolamento CE n.261/2004. Questa normativa si applica a voli:

  • Interni all’UE, realizzati da vettore europeo o extraeuropeo;
  • Con partenza da aeroporto interno all’UE e con destinazione extraeuropea, di qualunque nazionalità sia il vettore;
  • Con partenza da aeroporto extraeuropeo e con destinazione all’interno dell’UE, realizzati da vettore europeo.

È questa normativa a stabilire il diritto all’assistenza, al risarcimento per ritardo superiore alle 3 ore e il diritto al rimborso per volo in ritardo dopo le 5 ore. È molto importante conoscerla anche per sapere come ottenere il rimborso per un volo cancellato o per un imbarco negato.

Il risarcimento viene calcolato nel seguente modo:

  • Tratte brevi fino a 1.500 km: 250 euro;
  • Tratte medie da 1.500 a 3.500 km: 400 euro;
  • Lunghe tratte oltre i 3.500 km: 600 euro

Per il calcolo della distanza viene utilizzata come parametro l’ultima destinazione per la quale il passeggero subisce un ritardo all’arrivo rispetto all’orario previsto.

Cosa devi fare in caso di ritardo del tuo aereo

Per ottenere il rimborso per volo in ritardo è essenziale iniziare fin da subito a raccogliere prove del disservizio. In particolare:

  • Conservare tutti i documenti di viaggio, quindi il biglietto e la carta d’imbarco;
  • Chiedere alla compagnia aerea di fornire per iscritto il motivo del ritardo (in caso di circostanze eccezionali, ad esempio, la compagnia viene sollevata dalla responsabilità dell’accaduto e non è tenuta al risarcimento);
  • Chiedere alla compagnia aerea di pagare cibo e bevande di prima necessità durante l’attesa;
  • Scattare foto al tabellone delle partenze e prendere subito appunti per documentare nei minimi dettagli il disservizio;
  • Conservare le ricevute e gli scontrini delle spese extra sostenute per necessità durante l’attesa per poi chiedere il rimborso;
  • Non firmare nulla che sollevi la compagnia aerea dall’obbligo di pagare il risarcimento o il rimborso.

È molto importante seguire tutti questi step per far valere i propri diritti in forza della normativa comunitaria.

Quando riceverai il tuo risarcimento per un volo in ritardo

Le tempistiche per ottenere il risarcimento possono essere molto lunghe, soprattutto dopo i due anni di pandemia sopportati dalle compagnie aeree. I voli sono drasticamente calati, fin quasi ad arrestarsi totalmente in certi momenti, e questo ha portato i vettori ad affrontare dei gravi problemi economici. Non soltanto si sono visti costretti a effettuare tagli nel personale, ma hanno anche introdotto il sistema del voucher per non dover rimborsare i biglietti aerei non utilizzati.

Ciò significa che non è molto facile né mettersi in contatto con i vettori né ottenere quanto spetta per il disservizio vissuto. I tempi di attesa soltanto per ricevere una risposta via e-mail possono essere di molte settimane e possono volerci mesi prima di ottenere il pagamento. Questo è il motivo per cui sono sorte delle aziende specializzate nella tutela dei passeggeri coinvolti in disservizi aerei, composti da team di legali esperti in azioni nei confronti dei vettori. In questi casi le tempistiche sono più ristrette e il servizio gratuito, poiché sarà la compagnia stessa a sostenere il pagamento della parcella.

Quali altri diritti ci sono in caso di volo in ritardo

I principali diritti dei passeggeri sono quindi il risarcimento e il rimborso per volo in ritardo. Oltre a questi, è già stato citato anche il diritto all’assistenza che deve essere comunicato e garantito dalla compagnia aerea già dopo le prime 2 ore di attesa.

La normativa comunitaria tutela fino in fondo i viaggiatori, infatti prevede per loro anche il diritto a ottenere un volo di rientro all’aeroporto di partenza. Quando il ritardo è molto consistente, quindi superiore addirittura alle 5 ore, è normale che un viaggiatore perda interesse a continuare il proprio viaggio. Magari il ritardo gli ha fatto perdere una coincidenza oppure un appuntamento di lavoro e in questo caso la compagnia ha il dovere di riportarlo al punto di partenza.

Un altro diritto riguarda poi la classe di viaggio. La compagnia può infatti offrire una sistemazione in una classe superiore o inferiore rispetto a quella acquistata con la prenotazione originaria. Se la classe è inferiore, il passeggero ha diritto a un rimborso che va dal 30 al 70% sul prezzo del biglietto in base alla lunghezza della tratta.

Un piccolo recap delle cose da fare e sapere in caso di volo in ritardo

Conoscere i propri diritti è fondamentale per poter continuare a considerare il viaggio un piacere. Già dopo le prime 2 ore di attesa la compagnia deve assicurare a tutti i passeggeri l’assistenza con cibo e bevande gratuiti, accesso alle comunicazioni, trasporto e/o alloggio nel caso in cui si riveli necessario. Un ritardo dalle 3 alle 4 ore dà poi diritto ai passeggeri a ottenere un risarcimento variabile dai 250 ai 600 euro in base alla lunghezza della tratta. Infine, un’attesa di oltre 5 ore dà diritto al rimborso per volo in ritardo del prezzo del biglietto e di eventuali spese extra.

Questi diritti sono garantiti solamente nel momento in cui il passeggero abbia effettuato il check-in in orario e che quindi la responsabilità del disservizio sia attribuibile alla compagnia aerea. Quest’ultima viene sollevata dal pagamento solamente se il ritardo è stato causato da circostanze straordinarie come, ad esempio, un forte maltempo o uno sciopero del personale.

I voli che ricevono maggiore tutela sono quelli interni all’UE o che abbiano almeno uno dei due aeroporti su territorio comunitario. I viaggiatori possono infine chiedere rimborso e risarcimento per voli effettuati fino a 1 anno e mezzo prima.

Scritto da Redazione Viaggiamo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le cose più importanti da vedere ad Assisi

Viaggia in treno ad alta velocità e risparmia con i codici sconto Italo

Leggi anche
  • Ztl Milano, quali sono modalità pagamentoZtl Milano, quali sono le modalità di pagamento

    Modalità di pagamento per le Ztl, ossia la zona a traffico limitato di Milano: le informazioni.

  • Wizzair voli economici da ItaliaWizzair voli economici da Italia: tutte le tratte

    Wizzair: voli economici dall’Italia, le tratte e le offerte del momento.

  • Loading...
  • nuova zelanda vulcanoWhakaari: il vulcano marittimo della Nuova Zelanda

    Whakaari: il vulcano più attivo della Nuova Zelanda.

  • viaggi premio aziendaliWelfare aziendale, i viaggi premio come benefit per i dipendenti

    Viaggi premio aziendali: come incentivare i dipendenti e fare team building originale.

  • Weekend a ParigiWeekend a Parigi: una perfetta fuga invernale

    Fuggite dalla quotidianità e partite per una fuga da sogno!

Contents.media