Chiostro delle Rane: un tesoro nascosto a Milano

La storia e le curiosità sull'incantevole Chiostro delle Rane di Milano.

Un angolo poco conosciuto ma degno di essere scoperto è il Chiostro delle Rane, un gioiello della città di Milano. Un luogo ricco di storia, ma soprattutto di bellezza, che catturerà il cuore dei milanesi e dei turisti.

Chiostro delle Rane di Milano

Anche noto come Chiostro Piccolo, il Chiostro delle Rane è un gioiello della chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Situata in Corso Magenta, la chiesa è famosa principalmente grazie al capolavoro Vinciano che le sue mura custodiscono: l’Ultima Cena.

Ma oltre alla famosa opera, un altro gioiello prezioso è il suo chiostro, realizzato dal Bramante.

Scopriamo, adesso, la storia dell’antico chiostro e tutte le bellezze nascoste.

Milano chiostro

Le opere del chiostro

Il chiostro prende il nome dalla fontana circolare situata al centro del piccolo chiostro adiacente alla chiesa. La sua costruzione risale al XV secolo e viene attribuita al Bramante.

La fontana che fa da protagonista a cortiletto fiorito è ornata da quattro statue in bronzo raffiguranti delle rane che sputano acqua.

Questo piccolo pezzetto di paradiso fu realizzato verso la fine del Quattrocento, probabilmente in concomitanza coi rifacimenti della tribuna bramantesca.

Il chiostro è di forma quadrata, con cinque campate per lato con colonne di ordine corinzio in pietra di Saltrio, a reggere archi a tutto sesto con archivolto in cotto e serraglie a forma di mensola con medaglioni nei pennacchi.

L’ingresso della sacrestia vecchia è decorato con una lunetta affrescata dal Bramantino. Questa raffigura la Vergine con Bambino tra i santi, mentre un’altra lunetta affrescata raffigura Santi che pregano la Vergine.

Le siepi e i fiori regalano un momento di pace e tranquillità, ideale per ammirare le bellezze del chiostro e godersi un buon libro.

Al chiostro si accede dal fondo della chiesa. Un secondo ingresso si trova su via Caradosso, ed è caratterizzato da stipiti in marmo e sormontato da una cornice recante la scritta latina in lettere capitali “LAVS DEO”.

Santa Maria delle Grazie

La chiesa di Santa Maria delle Grazie è uno splendido santuario di Milano, famoso per ospitare l’opera di Leonardo da Vinci, L’Ultima Cena. Proprio per questo la chiesa è riconosciuta come bene protetto dall’UNESCO.

La costruzione della chiesa risale tra il 1492 e il 1493, ed era voluta dal Duca di Milano Ludovico il Moro. Il Duca, infatti, ha fatto edificare la tribuna come mausoleo per la famiglia.

La chiesa presenta sui due fianchi sette cappelle quadrate per lato, realizzate dal Solari. L’ultima a sinistra, invece, è dedicata alla Vergine delle Grazie e preesistente alla costruzione del complesso.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

TeamLab Borderless di Tokyo: l’arte senza confini

Tour Oman deserto e mare: luoghi da visitare

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media