Notizie.it logo

Cosa vedere a Milano gratis: entrata libera!

cosa vedere a milano gratis

Milano, scopriamo i luoghi in cui accedere gratuitamente, tra arte e natura.

Che una vacanza o un week-end abbiano un costo, è fuori discussione. Che si possa però farli all’insegna dell’economia, sfruttando le risorse gratuite che le città mettono a disposizione, è altrettanto fuori discussione. È questo il caso di Milano che, nonostante la sua fama di città poco economica, offre parecchie sorprese inaspettate in questo ambito. Vediamo insieme a tal proposito cosa vedere a Milano gratis, quindi a entrata libera.

Cosa vedere a Milano gratis

Il Parco Sempione

Il polmone verde di Milano: 386.000 metri quadri di verde per questo gigantesco parco situato in centro città, è meta per il relax di moltissimi milanesi, che tra una corsetta e l’altra, hanno la possibilità di concedersi qualche ora di relax magari con la famiglia, facendo giocare in sicurezza i propri bambini.

Il Castello, l’Arco della Pace, la Triennale, la fontana dei “Bagni Misteriosi” e la biblioteca, sono solamente alcune delle attrazioni visitabili gratuitamente in questo magnifico parco.

Il Castello Sforzesco

Situato ad una delle estremità del Parco Sempione, il Castello sforzesco, in passato fortezza militare, ad oggi è un polo culturale importantissimo.

Una passeggiata fra le sue mura contornate di verde, circondati solamente dal silenzio, è assolutamente d’obbligo, soprattutto considerando che l’ingresso è gratuito.

Il Duomo

Se si vuole commettere un’eresia, è sufficiente recarsi a Milano senza visitare il suo maestoso Duomo. Il monumento, oltre ad essere il simbolo di ogni milanese che si rispetti, è tra i più famosi in Italia e nel mondo, meta di visite da turisti proveniente da ogni angolo del pianeta.

La mastodontica facciata ammirabile dalla piazza antistante, l’atmosfera magica del suo interno, grazie anche agli immensi archi, i decori della navata centrale e le statue dei santi, sono solamente alcuni dei punti forti del duomo di Milano.

Una volta ammirato l’interno, sarebbe una follia non salire sulle terrazze del duomo, a piedi “scalando” 201 gradini oppure in ascensore, dove al costo di pochissimi euro, si potrà godere di una delle viste più belle di Milano.

Le famose 135 guglie e le 180 statue, con un po’ di fortuna nel trovare una giornata serena e tersa per la visita, saranno il contorno per una vista senza precedenti.

L’Expo Gate

I due padiglioni dell’Expo Gate, aperti nel 2015, sono stati “simpaticamente” ribattezzati “le due piramidi” dai milanesi.

L’esposizione ospita quotidianamente eventi di qualsiasi natura, da conferenze serissime a laboratori dedicati ai bambini fino a palinsesti dedicati solamente allo sport.

Se si decidesse di soggiornare qualche giorno nella stupenda Milano, la visita all’Expo è d’obbligo, e sarà impossibile non trovare qualche evento di interesse.

La Pinacoteca di Brera

Una delle zone più suggestive e caratteristiche di Milano, quella di Brera è ricca di vicoli dove fare delle romantiche passeggiate, per poi fermarsi in qualche ristorantino tipico.

La Pinacoteca è aperta per le visite al pubblico la prima domenica del mese, e l’ingresso per visitare la celebre raccolta di pittura, è ovviamente gratuito. Al centro del cortile, è ospitato uno splendido monumento dedicato a Napoleone, quello di Antonio Canova.

Il Cenacolo

Un’opera la cui fama la precede, e i motivi sono più che ovvi. L’Ultima Cena, il celebre dipinto di Leonardo da Vinci, è una delle perle artistiche della città meneghina che riuscirà a lasciare letteralmente a bocca aperta.

Come molte altre attrazioni di interesse culturale o storico, anche questo capolavoro è visitabile gratuitamente ogni prima domenica del mese.

Subito dopo, consigliabile la visita alla suggestiva chiesa adiacente di “Santa Maria delle Grazie”.

Le risorse gratuite messe a disposizione dalla città di Milano sono molteplici, e quelle elencate sono solamente alcune delle principali. Tra le altre vogliamo ricordare i Navigli, con la loro immancabile passeggiata, corso Como, e la galleria d’Arte Moderna.

© Riproduzione riservata
Leggi anche