Come organizzare una gita a Bolzano: l’itinerario

Ecco la guida su come organizzare una gita a Bolzano, località perfetta per una gita in giornata o di qualche giorno.

Bolzano, situata in una valle al centro di colline ricche di vigneti, è il capoluogo dell’omonima provincia autonoma del Trentino-Alto Adige, e costituisce il passaggio per il bellissimo paesaggio delle Dolomiti.

Come organizzare una gita a Bolzano: l’itinerario

Bolzano è la località perfetta per una gita in giornata o di qualche giorno, perchè essendo abbastanza piccolo è veloce da visitare. Abbiamo pensato a una guida per voi che racconta la storia di Bolzano e soprattutto che indica tutto ciò che non dovete perdervi in questo magnifico paesino, fatto di tradizione, buon cibo e bellezze naturali.

La storia della città

Le origini di Bolzano, a detta degli studiosi, affondano le radici nel lontano 15 a.C, quando la fondarono i Romani.

Rappresentava a quel tempo, un’importante punto militare, dal quale i Romani riuscivano a controllare i commerci e gli spostamenti che avvenivano nei pressi del Brennero e della Via Claudia Augusta.

Per questo la città fu desiderio di mire espansionistiche di diversi popoli provenienti dal nord e dall’est Europa: Ostrogoti, Ungari, Normanni e Visigoti se la contesero a lungo.

Waltherplatz

Il nome è legato alla figura di Walther von der Vogelweide, la cui statua si trova al centro della piazza.

La postura, rivolta verso sud, era la risposta del governo austroungarico alla statua che Trento aveva eretto a Dante.

Qui è presente il bellissimo Duomo di Bolzano, una costruzione in stile gotico, restaurata dopo gli ingenti danni provocati dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Via dei Portici

La storica via dove un tempo, e tutt’ora, si concentravano le attività commerciali dei locali: infatti la consigliamo se avete voglia di fare shopping, per via dei bellissimi negozi alla moda e delle botteghe artigianali che coesistono.

Gli edifici presenti nella via sono caratterizzati da facciate strette, intarsiate dai caratteristici bovindi (balconi chiusi con finestre) usati dai commercianti per controllare la via.

Museo Archeologico dell’Alto Adige

Questo museo è la dimora di Ötzi, conosciuto anche come Mummia del Similaun. Un luogo interessante che mette in scena la storia e la mummia di quest’uomo vissuto in un’epoca compresa tra il 3300 e il 3100 a.C. e il cui corpo è stato ritrovato nel 1991 ai piedi del monte omonimo tra la Val Senales e il Tirolo.

Piazza delle Erbe

proseguite poi verso Piazza delle Erbe, dove settimanalmente si tiene il mercato del paese. La funzione della piazza è infatti sempre stata questa, sin da quando le donne dei villaggi si davano appuntamento per vendere i prodotti delle loro malghe.

Castel Roncolo

Castel Roncolo è anche chiamato il maniero illustrato per la quantità e qualità di affreschi presenti all’interno delle sue sale, quindi per gli appassionati d’arte consigliamo fortemente questa tappa.

Per raggiungerlo si può fare una camminata di circa 40 minuti, che costeggia il fiume che bagna Bolzano, il Talvera, oppure prendere comodamente una navetta che vi porterà direttamente sul luogo.

Scritto da Federica Maldari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa vedere a Orvieto sotto il periodo di Natale: la guida

Campania: alcuni dei borghi più belli d’Italia

Leggi anche
Contentsads.com